A Giaveno la 47^Edizione della rassegna musicale I Concerti della Chiesa dei Batù Cinque concerti organizzati dall'Associazione Onlus Circolo Ricreativo Culturale

chiesa-dei-batu-giaveno-6

GIAVENO – Ritorna, con inizio sabato 23 settembre, la rassegna I Concerti della Chiesa dei Batù – giunta alla sua 47^ edizione – organizzata dall’Associazione Onlus  Circolo Ricreativo Culturale, con il Patrocinio della Città di Giaveno. Nel programma di quest’anno sono previste due novità.

La Chiesa dei Batù

La costruzione della Chiesa del Gesù, nota come Chiesa dei “Batù” (cioè dei Flagellanti) risale al 1576, anno in cui la
Confraternita omonima ottenne l’autorizzazione ad edificare una propria Cappella.
La Chiesa dei Batù costituisce uno dei più antichi monumenti religiosi di Giaveno: in essa alle severe linee classiche di impianto dell’edificio si sovrappongono quelle più fantasiose dell’ornato in stile barocco. Dopo un lungo abbandono, dagli anni Settanta, grazie agli interventi di restauro del   Circolo Ricreativo Culturale, che
ne cura tuttora la conservazione, è sede di manifestazioni culturali. Il suo suggestivo interno, che conserva gli arredi originali, è suddiviso tra la Chiesa (con un prezioso organo risalente al 1781) e il Coro a scanni. Dotata di un’ottima acustica e di un’atmosfera raccolta, è utilizzata come sede ideale per concerti di musica classica.

Il programma

Il primo concerto della kermesse avrà luogo sabato 23 settembre alle 21.15 e porterà sul palco il trio composto da Massimo Manin (al violino), Debby Bald (al violocello) e Roberto Issoglio (al pianoforte) che si esibiranno con brani di Grieg, mozart, beethoven e Bragato.

Il secondo concerto “Accompagna i ragazzi a concerto”, che si svolgerà domenica 1 ottobre alle ore 17, sarà una delle novità di quest’anno e vuol essere un invito e un’occasione per far conoscere anche ai più giovani l’arte musicale. Gli ottimi esecutori (orchestrali del Teatro Regio) proporranno un repertorio piacevole e accattivante come l’opera per bambini Pierino e il lupo  scritta da Prokof’ev a cui seguiranno noti brani di Gershwin e Bernstein. L’ingresso per i ragazzi under 14 è gratuito e un accompagnatore potrà godere del biglietto ridotto.

Il terzo appuntamento sarà invece sabato 7 ottobre alle 21.15 con il Luigi Tessarollo Hammond Trio, e vedrà esibirsi Luigi Tessarollo (chitarra), Alberto Gurrisi (hammond b3) e Enzo Grilli (batteria) in composizioni di Tessarollo e arrangiamenti di brani dei più famosi evergreen del jazz classico americano, come George Gershwin, Duke Ellington e Jerome Kern.

Sabato 14 ottobre avrà luogo il quarto concerto “Voceversa” del gruppo musicale a cappella – composto da: al basso Carlo Cavagna, Alessandro Oliaro e Carlo Maffei, dal baritono Simone Bocca, i tenori Lorenzo Marchesi e Roberto Marinone  e i controtenori Alberto Servo, Giacomo Marchesi e Mauro Fosci – che trasporterà il pubblico in un viaggio nella polifonia, dal Rinascimento ai nostri giorni, passando da Monteverdi, Praetorius, Gastoldi a Ellington, Lennon e altri ancora.

Infine la seconda novità di questo edizione sarà la quinta e conclusiva serata del 21 ottobre,  che sarà ad ingresso gratuito. Il concerto dal titolo “Giovani interpreti” avrà come esecutori quattro studenti del Conservatorio  “G. Verdi” di Torino (classe di Clarinetto  del prof. Claudio Chiavazza, con la collaborazione della pianista Chiara Marcolongo), fra cui Letizia Ughetto Monfrin di Giaveno,  che sono attualmente in fase di completamento dei loro corsi accademici di studi musicali. Nell’ambito delle attività del Conservatorio hanno partecipato a diverse attività concertistiche, sia come solisti che in vari ensemble cameristici.

L’ingresso avrà un costo di € 10,00, sarà gratuito invece per gli under 14.
Per informazioni è possibile contattare i numeri  011 936 50 85 e 3397318135 o scrivere una mail a [email protected] o visitare il sito www. crcchiesadeibatugiaveno.it