Giaveno: Cataldo “lo spostamento all’Anna Frank è stata la scelta migliore” A un mese dalla fine dell'anno scolastico incontriamo l’Assessore alla Scuola

giaveno-anna-cataldo2

 

GIAVENO – A un mese dalla fine dell’anno scolastico e a poco più di due settimane dall’approvazione del Bilancio preventivo l’Agenda.News incontra l’Assessore alla Scuola e alle Attività Educative e alla Cultura Anna Cataldo per una riflessione sui 9 mesi appena passati e quelli che attenderanno gli studenti giavenesi dopo l’estate.

Partiamo da un tema a lungo dibattuto: il trasferimento della “Ferruccio Crolle” all’ex “Anna Frank”…

Il trasferimento è stato un lavoro importante, che non ha mancato di sollevare critiche. È un’importante soddisfazione essere riusciti a salvaguardare la didattica, mantenendo la scuola unita e non averla spezzettata, né aver arrecare disagio ai ragazzi attuando i lavori in loco. Sono state diverse le osservazioni critiche, penso a riguardo del pedibus, ad oggi dissolte. Anzi molti genitori ora ci chiedono di attivarlo anche per il prossimo anno. Hanno potuto apprezzare un’attività che non soltanto ha decongestionato il traffico, ma ha anche educato alla salute e alla socialità.

Un altro punto di dibattito è il futuro dello stabile…

Dato il vantaggio che molti commercianti hanno ricevuto dalla rivitalizzazione dell’ex Anna Frank non possiamo lasciarla di nuovo a se stessa. Abbiamo quindi in cantiere un progetto culturale che dovrebbe farsi carico dell’onere di mantenere viva quella zona. Per sommi capi pensiamo a un polo culturale, che preveda uno spazio per le associazioni, ma non solo!

E i lavori alla Crolle a che punto sono?

A buon punto. Facciamo dei sopralluoghi periodici e a dicembre erano al sessanta per cento in termini di completamento. In questi giorni ci recheremo di nuovo per verificare lo stato di completamento.

Al di là dell’ex elementare, quali sono stati i punti forti del Comune nell’ambito scuola?

Sport e formazione. Abbiamo sostenuto tutte le attività sportive delle scuole e siamo riusciti a colmare il vuoto lasciato dalla Giocolimpiadi con i Giochi Sportivi Studenteschi che si sono tenuti per alcune fasi al Torta. Sotto il profilo formazione abbiamo avviato un programma extrascolastico per gli insegnanti, coordinandoci con associazioni a prezzi calmierati. Il corso sull’uso della voce ha visto molti iscritti. In tal senso un nostro obiettivo per il prossimo anno è trasformare gli incontri del progetto “Camminiamo insieme” da informazione a formazione, tra l’altro ricordo che un altro appuntamento è il 25 maggio con una serata sull’alcool insieme al comitato locale della Croce Rossa. E poi c’è stato “Non solo nido” che ha messo in rete i servizi per la prima infanzia: una bella esperienza che stiamo cercando di far continuare.

Prossimo anno verranno anche utilizzati il finanziamento per l’accoglienza del Viminale…

Sì, sgraveremo la tariffa mensa del 30% a partire dal secondo figlio per le famiglie con un reddito compreso tra i 8.800 e i 16 mila Euro. Questo sconto si aggiunge a quello giù attivo quest’anno per i nuclei famigliari con un reddito inferiore ai 8800 euro, che hanno una riduzione del 50% sulla mensa a partire dal secondo figlio.

C’è stata anche la Francia…

Sì un importante tassello nel gemellaggio intrapreso nel 2013 con Saint-Jean-de-Maurienne. Abbiamo pensato di non lasciare quest’amicizia a livello solo istituzionale, ma abbiamo voluto coinvolgere gli studenti della Gonin, facendogli incontrare i ragazzi francesi della scuola Aristide Briand il 9 maggio per la Festa dell’Europa. È stato un inizio, utile a dar vita a un dialogo anche tra le giovani generazioni. Sarebbe bello replicare attività simili in futuro.

A proposito di futuro, quali sono le prospettive per il prossimo anno scolastico?

A livello di interventi sulle scuole c’è l’allargamento della “Ugo Saroglia” di Selvaggio con la realizzazione contestuale di bagni in muratura per la sezione infanzia per un totale di 300 mila Euro. Poi la riqualificazione termica della Ventre, grazie a un finanziamento del bando Mutui BEI del 2016. Mancano soltanto degli ultimi passaggi burocratici dal ministero per partire.