Giaveno: furto di un televisore dall’ex ospedale Commentano Batzella e Giovale Alet "tagli alla sanità lasciano vuoti enormi"

ospedale giaveno 1

GIAVENO – Furto di un televisore durante la notte presso il Centro di Continuità Assistenziale a valenza sanitaria di Giaveno ( l’ex ospedale), nel reparto di lungodegenza per anziani non autosufficienti. Il furto ha messo in allarme sia gli ospiti, anziani e malati, che gli operatori.

Il commento di Batzella e Alet

Sulla vicenda intervengono Stefania Batzella, Consigliere Regionale M5S Piemonte, e Federico Giovale Alet, Consigliere comunale locale M5S, in una nota congiunta: “La  soppressione della vigilanza notturna ha avuto il benestare dell’assessore alla sanità Saitta e nonostante le criticità rilevate anche dai suoi consiglieri, ha ritenuto che non vi fossero problemi di sicurezza. Che la vigilanza chiuda le porte e lasci il Polo senza presidio dalle 20.30 è inammissibile perché mette a rischio una struttura che ospita anche il 118 e la guardia medica“.
E continuano: “Questa politica dei tagli alla sanità sta lasciando dei vuoti enormi che si ripercuotono anche sulla sicurezza. Chiediamo, lanciando un appello all’ASL TO3, di trovare subito i fondi per ripristinare la vigilanza notturna al CAVS di Giaveno e a tutti gli altri Centri di Assistenza, sia per dare un segnale a tutto il territorio ma anche per consegnare un piccolo segnale di speranza agli anziani malati che da oggi non avranno neanche più modo di passare il tempo guardano la TV“.