Giaveno: la Procura indaga sulle “firme irregolari” per il Pd Un esposto di elettori Pd e cittadini il giorno dopo le comunali

pd-logo-partito-democratico

GIAVENO – Fulmine a ciel sereno per i giavenesi: un’indagine della Procura sulla raccolta firme del Partito Democratico locale. Potrebbero esserci state delle irregolarità nella raccolta delle firme a sostegno del candidato sindaco del Partito Democratico, Vilma Beccaria, in occasione delle elezioni comunali del 2014.

I pm dei “Reati contro la pubblica amministrazione”, coordinati dal procuratore aggiunto Andrea Beconi, si occupano dei diversi esposti indicanti “irregolarità sia nel modo in cui erano state raccolte le firme a sostegno del PD sia nella maniera in cui quelle sottoscrizioni erano state autenticate”. L’esposto pare essere stato presentato ai Carabinieri da un gruppo di cittadini ed elettori dem.

La procura di Torino ha aperto intanto un fascicolo di indagine. Sembra che nei giorni scorsi abbia convocato alcuni politici ed ex politici comunali, mentre nei successivi verranno ascoltati anche i firmatari degli esposti.