A Giaveno ci sarà una panchina rossa per combattere la violenza contro le donne Venerdì 24 novembre presso il Parco Comunale di Palazzo Marchini

Panchina rossa (immagine d'archivio)Panchina rossa (immagine d'archivio)

GIAVENO – Verrà celebrata venerdì 24 novembre, la Giornata Internazionale Contro la Violenza sulle Donne ricorrenza proclamata per il 25 novembre dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1999 per invitare governi, istituzioni e organizzazioni, nell’ambito delle rispettive competenze, a organizzare in tale data iniziative destinate a informare l’opinione pubblica sul problema della violenza contro le donne.

In Italia e nel mondo sono organizzate manifestazioni e tutto quanto può servire per accendere e sostenere un “faro” contro quella che è ormai diventata una vera e propria piaga sociale. Per iniziativa degli Assessorati alla Scuola e Attività Educative, Politiche Sociali e Pari Opportunità con l’Istituto superiore Blaise Pascal, la scuola media Francesco Gonin, Casa di Carità Arti e Mestieri e le associazioni DonneDiValle, il Comitato locale della Croce Rossa Italiana, Sole Donna e Giaveno Ricama il 24, al mattino, si svolgerà un evento pubblico di messa in evidenza del bisogno di sensibilizzare sul tema e di memoria verso le donne vittime di violenza.

Il programma prenderà avvio alle ore 10.30 presso il Parco Comunale di Palazzo Marchini dove verrà inaugurata “La panchina rossa e il monumento in memoria delle donne vittime di violenza”. Lo scoprimento sarà sottolineato da delle letture. A seguire sfilata dei “diritti” lungo le vie cittadine, la partecipazione è libera e rivolta a tutti con invito ad indossare un accessorio o un indumento di colore rosso. Il percorso sarà segnato da scarpe rosse. Alle ore 11.45 in piazza San Lorenzo – Chiesa dei Batù verrà presentato il progetto “Adotta una panchina – fai vivere i diritti e la cultura del rispetto” con altre letture da parte dei ragazzi e ragazze delle scuole e delle associazioni coinvolte.

LEGGI ANCHE: www. comune. giaveno.to.it e [email protected]

Nel corso della mattinata sarà aperta nei locali comunali di via XX Settembre la mostra “Un
patrimonio femminile: abiti e costumi nelle valli valdesi” a cura della Fondazione Centro Culturale Valdese che sarà ancora visitabile sabato e domenica dalle 14.30 alle 18.30. Venerdì 24 novembre alle 21 negli spessi spazi incontro con la Pastora Valdese Erika Tomassone e “Le Donne della Riforma”.

La violenza sulle donne è un argomento di forte attualità, discusso moltissimo in programmi televisivi, web e film. – spiega il Vice Sindaco e Assessore alle Politiche Sociali Vincenza Calvo – È  doveroso alla luce dei molteplici femminicidi dedicare una giornata contro la violenza sulle donne.  Non dimentichiamo che la violenza sulle donne esiste da millenni e grazie ai mass media è emersa. L’emancipazione della donna nel corso del tempo l'ha resa consapevole che pur donna, pur debole fisicamente  nei confronti  dell’ uomo,  non deve essere sottomessa ed impaurita.  Eppure fino ad oggi i femminicidi non si contano più, sono avvenuti all’interno dell’ambito domestico e con persone di cui  si sono sempre fidate. Con questa giornata  vogliamo dire no a tutto ciò. Denunciando e riconquistato la nostra libertà e dignità”.