Giaveno, foto al cimitero. La Lega chiede le dimissioni della Beccaria e della Calvo "Sarebbe un gesto doveroso quello delle dimissioni e dell’allontanamento di questa associazione da Giaveno"

La foto la cimitero di GiavenoLa foto la cimitero di Giaveno

GIAVENO – La foto della discordia, la foto nel cimitero con i ragazzi immigrati continua a far parlare di sè. La polemica non si placa e i commenti contro un “selfie” forse evitabile sono l’argomento della città. Intervengono sulla questione Stefano Olocco e Patrizio Sgarra, Lega Nord secondo cui: “La foto che recentemente sta imperversando sul web, che ritrae alcuni amministratori giavenesi e migranti che festeggiano dopo aver tolto qualche erbaccia dal Cimitero di Giaveno fa salire in noi una grande sensazione di sconforto e perfino di fastidio. Un immagine che profana un luogo di memoria, di dolore e di culto. Un immagine che è un’ennesima spettacolarizzazione brutta, becera e senza motivo. Il cui solo scopo è di ricordare a tutti noi che l’immigrazione non si deve assolutamente criticare“.

LEGGI ANCHE: http://www.lagenda.news/giaveno-polemiche-cimitero-immigrati/

“Il fenomeno dell’immigrazione è un dramma sociale”

Dicono poi i leghisti: “Un modo per sbattere in faccia, perchè chi ha un barlume di pensiero critico è sempre cattivo ed è sempre razzista, che questo fenomeno spinto da finto umanitarismo sia una risorsa per tutti noi. Lascieremo perdere il fatto che in realtà il fenomeno dell’immigrazione è un dramma sociale, principalmente proprio per i migranti. Lasceremo perdere il fatto che questo fenomeno non risolve nessun problema ma ne crea di nuovi, citiamo il recente aumento del lavoro schiavile proprio in Italia. Lasceremo perdere queste cose, perchè questa ipocrisia che nasce sulla povertà di ideale si sta man mano smantellando da sola“.

Chieste le dimissioni

Poniamo un forte accento di critica su amministratori cittadini che invece di rappresentare la cittadinanza ne insozzano, nei fatti: memorie e tradizioni. Ci chiediamo se sia giusto che queste persone restino al loro posto a rappresentare i cittadini di Giaveno. Ci chiediamo se un associazione che non ha il minimo rispetto per le nostre tradizioni possa proporsi per uno scopo educativo ed di integrazione. Per noi ovviamente no. Sarebbe un gesto doveroso quello delle dimissioni e dell’allontanamento di questa associazione dall’operare sul territorio comunale di Giaveno. Ci chiediamo ovviamente come siano spesi i soldi dei servizi cimiteriali, se poi dobbiamo rivolgerci al volontariato per ripulire il Cimitero dalle erbacce. Iniziativa che di per se non critichiamo, ne cricchitiamo la volgare spettacolarizzazione. Critichiamo anche un modo troppo social di governare il territorio. Escono due post sulle erbacce al Cimitero? Pronto intervento (teleguidato) dell’associazione. Escono due post su una velocità eccessiva? Pronto un bel dosso. Ora ci saranno un bel pò di post con la richiesta di dimissioni. Chissà?