Giaveno: il SAL, un’opportunità per tutta la Val Sangone

giaveno-incontro-sal

GIAVENO – Si è tenuto lo scorso 23 maggio l’incontro informativo dei servizi al lavoro offerti e gestiti dall’unità SAL (Servizi Al Lavoro) che la Fondazione Casa di Carità Arti e Mestieri Onlus, Centro di Giaveno, conduce in via Don Pogolotto 45. La serata è stata organizzata dalla Città di Giaveno e dalla Fondazione.
Roberta Moschini, responsabile del Sal di Giaveno, ha riportato gli inserimenti lavorativi condotti nel periodo settembre 2016 e maggio 2017 e per i quali si registrano: n. 2 contratti a tempo indeterminato, n. 1 contratto a tempo determinato, n. 8 contratti di apprendistato. Per i tirocini n. 15 Garanzia Giovani, n. 2 Garanzia Giovani disabili, n. 4 libero mercato, n. 5 buoni servizi e n. 5 buoni servizi svantaggiati.
Per l’Amministrazione Comunale sono intervenuti il Vicesindaco Vincenza Calvo e l’Assessore al Bilancio Vladimiro Colmbo. Fra gli interventi anche quello del Direttore di Casa di Carità Giaveno Cesare Rosso che ha ringraziato l’Amministrazione Comunale per aver accolto il Servizio Sal, rivolto a tutta la Val Sangone.

Un minuto di silenzio per Manchester e Capaci

In apertura di incontro, su invito della Responsabile dell’Ufficio del Sindaco di Giaveno Alessandra Maritano che ha coordinato la serata, è stato osservato un minuto di silenzio per le giovani vittime dell’attentato di Manchester unito al ricordo del 25° anniversario della strage di Capaci.

In sala…

Fra i presenti in sala la Vice Presidente del Consiglio Regionale Daniela Ruffino, il Vicesindaco di Sangano Patrizia Condipodero, l’Assessore Enza Semeraro di Bruino, rappresentanti di associazioni di categoria, dei servizi dell’Unione Montana Val Sangone, del mondo della scuola e alcuni artigiani e commercianti.