Giaveno: Ztl, telecamere per la sicurezza del Centro storico Approvato il regolamento per la Ztl. Avrà gli stessi orari dell’attuale chiusura del centro

giaveno-centro-ztl

AGGIORNAMENTO

Il Comune specifica con una nota alcuni aspetti dalla Ztl. “I costi indicati nel Consiglio comunale sono soltanto valori indicativi, basati sulle norme di un regolamento standard per le Ztl di tutta Italia. Per  commercianti e residenti il pass è a titolo totalmente gratuito. Per richiederlo dovranno recarsi dalla polizia municipale, questo servirà per entrare senza incorrere in alcun tipo di sanzione“. Il medesimo discorso si applica anche ai proprietari di autorimesse nel Centro storico.
Inoltre per quanto riguarda la consegna dei corrieri, vi saranno delle ore concordate con i commercianti in cui la suddetta categoria potrà entrare per poter scaricare o prelevare merce, non incappando così in sanzioni. Le cosiddette categorie, compresi i cittadini non residenti, avranno la possibilità in alcune ore di poter circolare all’interno della zona ZTL senza quindi incorrere in alcuna sanzione“. Previa comunicazione al Comune, si specifica, verranno rilasciati dei permessi gratuiti anche per mezzi che devono recarsi nel Centro storico per interventi che coinvolgano i residenti o i commercianti. Per esempio: camion di muratori per ristrutturazioni di immobili nel centro.
Il Comune aggiunge che per quel che riguarda le tempistiche “
vi sono 3 fasi per la realizzazione:

– fase 1 richiesta al Ministero;

– fase 2 installazione dell’apparato di sorveglianza ZTL;

– fase 3 distribuzione e controllo dei pass da parte della polizia municipale.

Quindi non si possono ancora fare delle previsioni esatte sull’installazione e sulla messa in funzione. L’orario di chiusura attuale rimarrà in vigore senza modifiche“.

 

GIAVENO – Approvato il regolamento per la zona a traffico limitato nel Centro storico nell’ultima seduta del Consiglio, lunedì 31 luglio. “La videosorveglianza è un investimento necessario per incrementare la presenza di cittadini e turisti. Rimane tutto quanto come è adesso. Poniamo soltanto delle regole precise e non in forma leggera, come le transenne” ha relazionato il Consigliere delegato alla Sicurezza Marco Carbone. “Lo sviluppo del Centro passa attraverso il suo divenire luogo di aggregazione. Impedire il passaggio di auto in certe fasce orarie accresce la possibilità per i commercianti di vendere i loro prodotti”.

Ztl, 6 varchi, pass e permessi

Saranno quindi 6 i varchi di entrata e di uscita (le piazze San Lorenzo, San Rocco, Sant’Antero e le vie IV Marzo, Sclopis e Abbaziale) che si attiveranno solo secondo l’attuale orario di chiusura al transito del Centro storico (dalle 20 del venerdì alle 6 del sabato; dalle 20 del sabato alle 6 della domenica; dalle 14 della domenica alle 6 del lunedì). Ognuno dotato di 2 telecamere: una per il controllo targhe e l’altra per la sorveglianza. Tutte le categorie che frequentano il Centro abitualmente si doteranno di permesso o di pass. Del primo ne esisteranno due tipi: uno temporaneo al costo di 5 Euro a giornata e uno gratuito per i clienti delle strutture ricettive, previa comunicazione al comando dei Vigili urbani locali. I secondi saranno presenti in diversi colori, ma tutti della durata di 48 mesi: colorato per i cittadini residenti e per i commercianti che hanno l’attività nel centro (gratuito); bianco, gratuito per medici e personale infermieristico; al costo di 45 Euro per i fornitori di merci deperibili, artigiani e portavalori.

La questione della pavimentazione del Centro

In Centro abbiamo una bellissima pavimentazione. La cui manutenzione è un costo, dato il continuo passaggio di mezzi. Un camion effettua un’usura del suolo pari a 25 mila auto. Chiedere un contributo di 10 euro l’anno, per esempio ai corrieri che non eseguono la propria attività nell’orario gratuito che stabiliremo per carico e scarico merci, è un modo poco più che simbolico per rientrare dei costi per il mantenimento in buono stato della pavimentazione” la motivazione per Carbone.

Divergenze tra maggioranza e minoranza

Le divergenze tra maggioranza e “CambiAMO Giaveno”, oltre che “Per Giaveno”, si registrano in merito alla concertazione con i residenti e i commercianti del Centro. “Il modo migliore per trovare una soluzione efficace per tutti” secondo il Consigliere Alessandro Cappuccio, che intravede “un ulteriore passaggio verso la rimozione del mercato dal Centro storico”. “Un incontro con la popolazione di cui non siamo a conoscenza, di cui non abbiamo alcun verbale che ne evidenzi l’interesse” per il Consigliere Mellano. Entrambi votano contro, insieme alla Consigliere Concetta ZurzoloInsieme per Giaveno”. In merito Carbone spiega che il confronto con i cittadini: “è durato un anno, da quando sono state poste le transenne e la maggioranza della popolazione non si è lamentata”.
Si astiene, invece, la Consigliere Vilma Beccaria (“Pd”, “Sinistra per Giaveno”, “Medici per l’ospedale di Giaveno”). Ricorda la raccolta firme dal circolo Pd locale per la pedonalizzazione del Centro storico, pertanto “la Ztl non serve se è chiuso a singhiozzo, dovrebbe esserlo sempre, bisogna osare”. E sottolinea come “la crisi del Centro è cominciata con lo spostamento dell’Anna Frank”. Pertanto la struttura, che ora non ospita più gli alunni della “Ferruccio Crolle”, assume nel prossimo futuro una strategica importanza.