Gli Alpini di Giaveno eleggono capogruppo Nando Sada

Gli Alpini di GiavenoGli Alpini di Giaveno

GIAVENO – Tempo di tesseramento e rinnovi alla cariche nella “baita” del Gruppo Alpini Giaveno-Valgioie. Alpini, artiglieri e amici degli lapini si sono ritrovati nella sede per l’assemblea annuale e l’elezione del nuovo direttivo che rimarrà in carica fino al 2019. Nando Sada è stato eletto nuovo Capogruppo e da subito dovrà preparare le penne di Giaveno ai prossimi incontri della Sezione Torino e la grande trasferta in quel di Treviso per l’Adunata Nazionale.

Il direttivo è adesso composto da: don Luciano Gambino, cappellano, Gianluca Borgia, Roberto Castagnoli, Giancarlo Ferrua, Dario Galletto, Luciano Gambino, Sergio Giai miniet, Gianni Gontero, Gabriele Larivera, Marco Magnetto, Giovanni Parolo, Stefano Tizzani, Roberto Verando, Ugo Vigone e Ivano Zorzi.

Lunga la storia del Gruppo che comiciò nel novembre del 1924 con Giuseppe Portigliatti alla guida. Segnato sul libro dei ricordi ecco il settembre del 1930 con la posa di una lapide ricordo in occasione del  consesso della Sezione Alpini di Torino fortemente voluto dall’allora Capogruppo Riccardo Panizza alla presenza di Umberto di Savoia. Poi ecco il capogruppo Massimo Anselmo che si riuscì ad avere anche una sede stabile con sala ristorante, gioco bocce, sala da ballo punto di ritrovo e di amicizia nel centro di Giaveno. Durante la Seconda guerra e subito dopo fu Luigi “Gino” Ferrero Fusiè a reggere il gruppo fino al 1962;  con una sola parentesi in cui il Gruppo fu condotto da Gianfranco Giai Arcota periodo nel quale ci fu il cambio denominazione e si aggiunse Valgioie. Arriviamo a Joe Masi, che a gennaio 2000 per problemi di salute dovette lasciare l’incarico a Dario Galletto e poi all’indimenticato Domenico Allais.