Gli auguri di Susanna Preacco, sindaco di Sant’Antonino

susanna preacco 2

S.ANTONINO – Il 2016 ha portato tanti cambiamenti nei comuni italiani, da un lato burocrazia sempre più complessa e stringente, il pareggio di bilancio e la nuova competenza potenziata, dall’altra alcune novità sul personale e nuovi spazi assunzionali. È tempo di bilanci, con l’approssimarsi della fine di dicembre le poniamo quattro domande per fare un riassunto dell’anno che sta finendo, con uno sguardo a quello che verrà.

Iniziamo con un bilancio complessivo di questo 2016 nel suo comune.

Nonostante le difficoltà finanziarie che affliggono i Comuni, quindi anche il nostro, il bilancio mi pare positivo. Sono convinta che l’impegno dell’amministratore non è solo più quello di dare vita a nuovi servizi ma anche, e soprattutto, di conservare quelli esistenti, gestendo nel modo più oculato possibile le risorse disponibili, governando la complessa realtà amministrativa locale e sovracomunale. Ed è ciò che abbiamo fatto“.

Quali sono stati i risultati che avete raggiunto?

Intanto due interventi attesi da anni: il rifacimento e la riqualificazione di via Maisonetta e la realizzazione della nuova sala prove musicali che rappresenta una grande occasione per i ragazzi del paese e della valle per esprimere la propria creatività. Poi, l’essere riusciti a mantenere i servizi a beneficio di chi è in difficoltà, investendo molte energie nelle politiche sociali“.

Quali sono i progetti e programmi per il futuro?

Anzitutto dare continuità ai servizi offerti ai santantoninesi e continuare a sostenere le famiglie in difficoltà. Poi, anche se gli eventi atmosferici di novembre hanno causato danni non eccessivamente rilevanti (assommano infatti a circa 15.000 euro), pensiamo di effettuare alcuni interventi che rendano il paese ancora più sicuro, anche dal punto di vista idrogeologico. E, a proposito di sicurezza, intendiamo proseguire nella sperimentazione della sorveglianza serale/notturna delle vie cittadine e nei luoghi particolarmente isolati, quali la stazione ferroviaria, il Codrei, la Fontanassa, le piazze del Comune. Tutto ciò in collaborazione con i carabinieri di Borgone e di Susa. Vogliamo infine battere tutte le strade possibili, insieme al Comune di Borgone, per indurre RFI a realizzare al più presto il sottopasso ciclo-pedonale di via Abegg“.

Un messaggio di augurio per i suoi concittadini nostri lettori de L’Agenda.News?

Siamo reduci da giorni in cui si celebrano i valori della fratellanza e della solidarietà, dell’accoglienza, dell’attenzione all’uomo e alle sue necessità. Principi che hanno guidato il nostro lavoro di amministratori, che abbiamo cercato di tradurre tutti i giorni in scelte concrete. Per dare risposta ai bisogni delle famiglie, degli anziani, dei bambini, per creare occasioni di incontro e di crescita culturale. Purtroppo, l’anno che si sta chiudendo è stato ancora segnato da difficoltà economiche, soprattutto per le famiglie, e dai disagi crescenti che penalizzano la nostra società. Per questo pensiamo che gli auguri siano particolarmente importanti, con l’auspicio che il 2017 consenta di lasciarci alle spalle i problemi grandi e piccoli della vita e faccia ritrovare a tutti la serenità“.