#GOFRAIS! Parte la campagna in aiuto alla Stazione dopo il grave sabotaggio Luca Olivero: "Stiamo facendo l’impossibile per riaprire alla prima nevicata nonostante mille difficoltà"

chiomonte frais

CHIOMONTE – Nella affollata conferenza stampa indetta oggi in Comune a Chiomonte da Frais2010 insieme ad ASCOM Susa per la prima volta Luca Olivero, Presidente di Frais2010, pur con preoccupazione, ha annunciato che “almeno con la Seggiovia Frais Sauzea – il cui danno è riparabile – e con i tapis roulant la stagione potrà  quasi certamente ripartire  alla prima nevicata utile”. In sala, molti Maestri di Sci della Scuola Frais,  rappresentanti di CNA, Imprend’Oc, Chiomonte Sport Academy, operatori commerciali del Frais. Commosso, ma anche comprensibilmente molto teso Olivero ha ringraziato chi è stato da subito vicino a lui e ai suoi dipendenti: “In questi giorni la immensa solidarietà umana ricevuta ci ha dato la forza di rialzarci. Non è stato facile accettare l’accaduto. Non lo è stato perchè si è voluto  distruggere il lavoro fatto per far rinascere il Frais. Ma il Frais non è di Frais2010:  è di tutti, di tutti quelli che amano la montagna, di tutti quelli che vogliono sciare e da noi sanno che con una cifra contenuta possono farlo. Il Frais è, per molti, un bel ricordo della gioventù e per altri una passione sportiva. Eppure, qualcuno, ha fatto del male al Frais, l’ha ferito nel profondo. Non ha solo tagliato delle funi di acciaio, ha inciso profondamente nella mia anima ed in quella dei miei più stretti collaboratori. Ci siamo sentiti umiliati, offesi. Abbiamo però sentito che il Frais è veramente tanto amato. Che in tantissimi vogliono bene a questo spicchio di Val Susa. Noi ringraziamo di cuore chi da subito ci ha teso la mano. I privati, le associazioni, la politica, le istituzioni. Però ora il comune di Chiomonte deve fare uno scatto in avanti. La nuova Amministrazione deve assolutamente cercare di acquisire gli impianti privati. Questo si deve fare perché il Frais deve vivere a prescindere da Frais2010 e dal suo Presidente. Ma l’unica condizione perchè ciò avvenga e perchè possano arrivare i finanziamenti pubblici è che l’Amministrazione di Chiomonte ne divenga proprietaria in toto. Noi ci siamo, io ci sono. Ma, lo ribadisco con forza, il Frais deve poter avere un futuro a prescindere da Frais2010 e questo passa esclusivamente dalla totale proprietà pubblica degli impianti”. Mentre il personale impianti è al lavoro per sistemare la Seggiovia (la cui fune andrà comunque sostituita la prossima stagione a causa del danno subito), la riapertura degli skilift invece è legata ai tempi industriali di reperimento di nuove funi in sostituzione di quelle danneggiate (funi che di fatto devono essere messe in lavorazione) per poi provvedere alla sostituzione parziale di quelle sabotate con loro reimpalmatura e alle procedure di certificazione e autorizzazione da parte della Motorizzazione. Almeno per il “Baby” l’operazione potrebbe essere risolta con un po’ di fortuna, entro fine anno, mentre per il Pian Mezdì forse sarà possibile ripartire entro gennaio. “E di questo devo ringraziare sia la Sestrieres che la Colomion che mi hanno offerto tutto l’aiuto possibile, ma soprattutto i tecnici della Radaelli, che faranno l’impossibile per consegnarci le nuove funi a tempi di record.” Patrizia Ferrarini ha poi ribadito calorosamente l’impegno dei Commercianti perché il Frais non perda la stagione: “Il Frais non è solo l’Azienda di Luca Olivero, al quale  si deve la sua rinascita. E’ una piccola stazione sciistica, ma è di tutti noi che la amiamo. E’ la stazione sopra casa dove quasi tutti i valsusini hanno imparato a sciare. Chi l’ha colpito ha colpito l’intera Valle, la sua economia – parliamo di 50 famiglie coinvolte direttamente e indirettamente – e la sua socialità. Per questo ASCOM Susa si è subito messa in pista per dare una mano a Frais2010 con l’iniziativa #GOFRAIS! e siamo lieti che anche i colleghi di CNA. Valsusa si siano uniti a noi nell’impresa di reperire fondi che aiutino il Frais ad avviare l’imminente stagione invernale. Chi vuol bene al Frais si faccia sentire, se altre Associazioni vorranno unirsi a noi il risultato che otterremo sarà migliore. La mascotte – il Tom del Frais acciaccato, ma col Cuore in braccio – disegnataci di getto da Roberto Gagnor  bussolenese, copy  e fumettista della Disney – rappresenta esattamente il nostro pensiero: il Frais lo “aggiustiamo” tutti insieme noi che gli vogliamo bene! Quello che a tutti noi interessa infatti è che il Frais possa ripartire il prima possibile e che la stagione non venga compromessa irreversibilmente, a partire dai corsi per i ragazzi delle scuole per finire ai test delle squadre agonistiche nazionali. Ora un aiuto economico “di cassa” per far fronte a questo danno gravissimo è importante quanto l’affetto che va dimostrato a chi è direttamente colpito. Dal prossimo week-end sarà possibile acquistare in prevendita gli skipass scontati e senza data per la stagione 2015/2016. A Susa saranno disponibili presso gli uffici di ASCOM e CNA (anche presso la sede di Condove), all’Ufficio Turistico e reperibili anche attraverso Impresa Sviluppo Susa.  Contemporaneamente appena sarà possibile avere qualche certezza cercheremo di farci promotori di un evento di grande richiamo, con vecchie glorie e campioni dello sci di oggi e di ieri sulle piste del Frais, insieme ai ragazzi di tutta la Valle.” La campagna #GOFRAIS! oltre a L’Agenda.News che da subito aveva aderito, vedrà anche il sostegno dei periodici locali della carta stampata: La Valsusa e Luna Nuova.