Il carnevale a Grugliasco con Gianduja e Giacometta (LE FOTO) Tante le associazioni presenti per la festa in piazza

Le maschere al carnevale di GrugliascoLe maschere al carnevale di Grugliasco

di LUCA MARSICO

GRUGLIASCO – Già nel primo pomeriggio sono stati allestiti in Piazza 66 Martiri, a Grugliasco, i primi gazebo,destinati ad ospitare le associazioni cittadine, invitate, con grande spirito di partecipazione civica, dall’assessore Gabriella Borio, tra cui Grugliasco Giovani, l’Associazione Nazionale Alpini, il Toro Club, Le Gru, l’associazione di musica locale, Agamus, la scuola di ballo La Cubanita Dance e L’Isola che non c’è Onlus. L’assessore ci comunica che la città ha risposto con enorme entusiasmo alla proposta del comune, solo la prima del futuro programma di eventi cittadini che culminerà, in giugno, col famoso Palio delle Gru.

Il carnevale di Grugliasco

Quella di Grugliasco, però, non è una missione semplice. Secondo il sindaco Roberto Montà, è il disperato tentativo di rianimare una festa tradizionale che, nella città del Palio, rischia di morire, sopratutto a causa dell’assenza di associazioni volontarie che possano costruire dei carri. Il Carnevale grugliaschese, infatti, non presenta una sfilata di carri, ma eventi destinati alle famiglie presso il centro storico della città. All’organizzazione degli eventi hanno preso parte alcune associazioni cittadine vicine, durante tutto l’anno, alle persone, come l’associazione Sbandieratori, che ha aperto la manifestazione con uno spettacolo in cui hanno preso parte i bambini, e l’associazione Go (Grugliasco Oratori), che ha organizzato un gioco per i più piccoli e una sfilata in costume. Dario, un animatore della Go, costantemente a contatto con i bambini, parla con entusiasmo della collaborazione congiunta fra le varie associazioni cittadine e di come i bambini siano entusiasti di festeggiare il Carnevale. Come sia il sindaco sia l’assessore ci hanno fatto notare, associazioni come la Go sono fondamentali per il coinvolgimento completo della cittadinanza.

In piazza a Grugliasco anche Gianduja e Giacometta

L’innovazione, però, non esclude la tradizione. In piazza, infatti, ci sono anche le maschere tradizionali di Gianduja, di Giacometta, ma anche i personaggi propri della tradizione grugliaschese, come Bela Parpoijna e Monsù Ravanin, pronti a offrire caramelle ai bambini e a raccontare la storia e il passato di Grugliasco. Vista la quantità di gente presente per le strade di Grugliasco, si può dire che il lavoro di associazioni cittadine come la Go e del sindaco Montà per la formazione di una nuova base di partecipazione popolare nella città del Palio sia stato efficace, anche grazie alla varietà di eventi che vanno dal gioco per bambini del primo pomeriggio alla festa fino a sera inoltrata in piazza.

Questo slideshow richiede JavaScript.