I Cinquestelle in Regione rinunciano a 248 mila euro La cifra verrà utilizzata per il Microcredito e su Capitoli di Spesa

5-stelle-assegno

TORINO – Il gruppo regionale del Movimento 5 Stelle, come ogni anno, ha restituito parte degli stipendi. L’anno scorso un assegno da 354.811 mila euro e 27 centesimi, quest’anno 248.922 mila. Una cifra raggiunta grazie alla rinuncia dei consiglieri a parte del loro stipendio. I soldi derivano dalla decurtazione dello stipendio dei consiglieri. I consiglieri dichiarano di percepire 2500 euro netti al mese più i contributi e i rimborsi per i trasporti. Una bella cifra che deriva dalla rinuncia di tutti e otto. Ogni consigliere riceve circa 45 mila euro l’anno anche se è un valore che varia dalla busta paga percepita e anche da eventuali cariche aggiuntive ricoperte ad esempio in commissione. Dove andranno i soldi? Dicono i Cinque Stelle: “A differenza di quanto avvenuto l’anno scorso abbiamo introdotto un’importante novità nel percorso di restituzione. A decidere la destinazione di una quota pari al 50% dell’intera cifra saranno direttamente i cittadini piemontesi attraverso un sondaggio sulla piattaforma Rousseau del Movimento 5 Stelle. Potranno esprimere la propria scelta fra 3 diversi capitoli del bilancio regionale, ad oggi non sufficientemente coperti“. Quindi metà andrà in un Fondo di garanzia già costituito presso Finpiemonte nel 2009, che viene utilizzato per prestare garanzie fideiussorie agli Istituti di credito convenzionati sui finanziamenti erogati a favore di imprese di nuova costituzione non bancabili. Un’attività di accompagnamento al microcredito sarà messa a disposizione da una rete di Fondazioni, che ha come soggetto capofila la Fondazione Don Mario Operti. L’altro 50% sarà utilizzato su capitoli di spesa dopo una votazione online. Tre sono i temi su quali verranno utilizzati i soldi: sociale, istruzione, ambiente. Perchè la cifra di quest’anno è più bassa degli altri anni? Abbassando gli stipendi, meno di quanto avrebbero voluto i grillini, si è abbassato l’assegno di rinuncia.