I dipendenti delle imprese di pulizie degli Ospedali segnalano un disagio I salariati ricevuti in Regione dai Cinque Stelle

ospedale rivoli 10

Più che una segnlazione è uno stato di fatto. Sembra che il risparmio abbia toccato anche il sistema pulzie all’interno degli ospedali. Meno ore di servizio, meno addetti al lavoro ma lo stesso risultato da ottenere. “Oggi abbiamo ricevuto in Consiglio regionale una delegazione di lavoratori e rappresentanti sindacali dell’impresa di pulizie PFE Spa che opera presso gli ospedali di Rivoli e San Luigi di Orbassano e dell’impresa GE.SIN Parma per le pulizie dell’ospedale di Susa – dice la consigliera Stefania Batzellaa settembre 2015 avevamo già seguito le problematiche legate ai lavoratori della PFE Spa del San Luigi di Orbassano raccogliendo segnalazioni, partecipando allo sciopero e presentando un’ interrogazione in consiglio regionale e anche dei lavortori della Coop Diem del Maria Vittoria di Torino. Ad oltre un anno di distanza i problemi sono sempre gli stessi: i dipendenti sono diminuiti, è stato tagliato il 25% delle ore ma il lavoro da svolgere è sempre lo stesso nonostante le risorse umane siano diminuite. Addirittura presso l’ospedale di Susa si riscontra una riduzione di ben 150 ore nel capitolato ore“. La paentastellata aggiunge in un comunicato: “Altra criticità importante è legata alla retribuzione, i lavoratori infatti lamentano ritardi nei pagamenti ogni mese. Il tutto determina evidenti disagi perché tanti dipendenti sono monoreddito e con figli a carico. Gli ultimi accordi presi il 10 maggio, tra sindacati e società appaltatrici, relativi ad una maggiore puntualità sulle retribuzioni non sono stati rispettati dall’impresa. Inoltre l’estrema flessibilità degli orari mette i lavoratori nelle condizioni di non potere svolgere un secondo impiego o gestire gli impegni familiari, infatti chi lavora anche solo 4 ore al giorno viene richiamato in più orari della giornata (ad esempio 2 ore di mattina e 2 di sera). Ancora, non vengono rispettate le ore previste nel capitolato poiché le ore effettuate ogni giorno sono nettamente superiori a quelle sulla carta. Ci associamo alle richieste dei lavoratori e chiediamo un monitoraggio costante e un’equa distribuzione delle ore lavorative e del carico di lavoro oltre alla mansione svolta. L’ASL TO3 e L’ AOU del San Luigi, insieme agli assessorati regionali competenti, devono intervenire tempestivamente per trovare un accordo e per migliorare le condizioni lavorative dei lavoratori oltre che garantire una buona pulizia degli ospedali“.