I gelati sul caretto della Bottega del Gelatè di Susa

carretto

SUSA – “Il carretto passava e quell’uomo gridava gelati…” Come nella canzone di Battisti, anche il gelataio di Susa dela cremeria La Bottega del Gelatè ha gridato con un carrettino sistemato per l’occasione della festa cittadina organizzata dal Borgo dei Cappuccini in piazza Raimondo. “Gelato alla vaniglia, senza soldi non si piglia” oppure “L’acqua lava i ponti, il vino va alla testa e il gelato rinfresca!” erano le rime che tanto tempo fa i gelatiai usavano per strada.  Queste parole ripetute più volte entravano nella testa dei bambini e lì rimanevano. Rime semplici che ancora oggi restano nei ricordi e oggi si sono ripresentate grazie all’idea di Gianluca Curtino. Molti  i gusti, limone, panna, cioccolato e crema, e poi frutta e tanti altri sono stati ospitati nel carretto ambulante che ha soggiornato in piazza nei giorni di festa tra concerti, sfilate e mangiate. L’ottima preparazione e il gusto sono sempre i consueti che distinguono il gelato de La Bottega del Gelatè in Piazza San Giusto. Il negozio ambulante adesso è in garage in attesa di altre feste e incontri, tutti all’aperto nella bella Susa.