I giardini di Villa Maria, casa di riposo a Sangano

villa maria fiori

SANGANO – Camere ariose dai colori tenui e riposanti, spazi comuni ampi che profumano di pulito e personale efficiente ed educatamente affettuoso. Non è un albergo nel quale trascorrere le meritate vacanze estive ma la Casa di Riposo per anziani Villa Maria di via Pinerolo Susa 83/85 a Sangano. Ad “accogliere” un visitatore che entri nell’atrio sono i pavimenti tirati a lucido, le margherite sorridenti e le colorate farfalle che ingentiliscono la bacheca degli avvisi e il sorriso cordiale del personale di segreteria. Più in là, nella spaziosa sala da pranzo che confina con la pulitissima cucina “a vista”, bicchieri colorati e morbide salviette di spugna attendono per il pranzo e la cena gli anziani ospiti, le cui fotografie campeggiano sui muri, a immortalare feste ed eventi. Su un muro, un tabellone  ricorda le date di compleanno dei “nonni”, alle cui mani si devono i disegni di pesci, conchiglie e  delfini che, frutto dell’animazione del mattino, trasformano una parete in un coloratissimo tratto di mare. Nel pomeriggio, invece, a intrattenere le “pantere grigie” è la ginnastica di gruppo per un’interazione divertente dove palle di spugna, bastoni di legno, pedalina e tapis roulant sono a disposizione anche di chi, solo di passaggio, usa la struttura per una necessaria riabilitazione. Villa Maria, infatti, è una struttura socio sanitaria convenzionata con le ASL locali, in grado di ospitare persone prevalentemente anziane, non autosufficienti o parzialmente non autosufficienti, che abbiano necessità di prestazioni socio-sanitarie continuative non attuabili a domicilio,  oppure  temporanee, cosiddette di “sollievo”. Quindi, se l’assistenza medica generica e geriatrica e l’assistenza infermieristica continua sono garantite, Villa Maria si propone  anche sia di assicurare ai suoi ospiti la riservatezza e il rispetto dei gusti e delle preferenze individuali – con la personalizzazione delle stanze modernamente attrezzate, con bagno interno, letto ortopedico, armadio e comodino personale, telefono e televisore – sia di fornire mezzo e strumenti  per lo sviluppo delle relazioni interpersonali . Della riuscita degli intenti si fa portavoce Luigina che, 93 anni e occhi scintillanti da ragazzina,  era arrivata in struttura per una caduta  e ora è “contenta tanto” di essere di nuovo in grado di camminare appoggiandosi al girello, mentre la compagna di stanza Maria, ricoverata dopo un incidente che la ha pesantemente invalidata, afferma di trovarsi “proprio benissimo” . Anche un’altra Luigina, di due anni più giovane della sua omonima, dalla sua postazione in cima alla scala dove getta occhiate attente perché nessuno cada si dichiara soddisfatta delle proprie giornate trascorse “fra la pittura a pennarelli e il ritaglio, e anche qualche amica con cui chiacchierare”.  Percorrendo i corridoi dove la polvere sembra non esistere e passando da un piano all’altro su scale dai mancorrenti lucidi e piacevoli al tatto, si incontrano  Oss e  infermiere sempre sorridenti, capaci di regalare una parola gentile e un gesto affettuoso ai loro assistiti, ricevendone in cambio sorrisi e parole di apprezzamento. Anche Bartolomeo, 84enne decisamente poco loquace, si sbilancia con un “benissimo!”quando gli viene chiesto come si trova in struttura, mentre Lucia con alle spalle una infanzia di lavoro e una matrigna cattiva, si dice “soddisfatta del mangiare e di essere coccolata” dalle Oss e dalle infermiere ma anche dal personale di segreteria che a orario di lavoro ultimato, prima di tornare a casa, sale ai piani per un saluto o una carezza. Nata come un albergo e perciò dotata di locali per ogni uso o esigenza, Villa Maria non sembra essere solo una casa di riposo ma un luogo dove ricevere cure e assistenza professionali e tenerezze familiari, rispetto per l’individualità e aiuto nel mantenimento  del proprio ruolo sociale, in un clima dove ogni aspetto della vita quotidiana è gestito con efficienza , comprensione e intuito, dalle cure più appropriate alla decisione su chi, per affinità e compatibilità, è più adatto a condividere con piacere e senza attriti una camera e la vita.