I grillini attaccano duramente Plano

municipio susa

SUSA – Il via libera dell’amministrazione al cavidotto Terna sta tenendo banco nella vita politica della valle. Dopo la minoranza in consiglio anche il Gruppo regionale del Movimento  5 Stelle. “Con la delibera approvata ieri in Consiglio comunale ancora una volta l’amministrazione china la testa di fronte ai poteri forti che allungano le mani sulla nostra terra. – scrivono i grillini – E dopo la controversa vicenda delle compensazioni TAV, ora Plano discute di compensazioni con Terna. A pagarne le conseguenze saranno ancora una volta ambiente e cittadini. Il primo, dopo la ferita aperta dal TAV dovrà subire anche questo intervento invasivo e devastante. I secondi invece, in particolare coloro che hanno proprietà confinanti con il tracciato, saranno sottoposti a cantieri infiniti ed agli stretti vincoli della servitù di passaggio perenne. In poche parole, per mettere anche una piccola tettoia sul proprio terreno, dovranno chiedere il permesso a Terna. Da qui all’eternità. Il “contentino” dato in pasto ad opposizioni e cittadini consiste in un generico appello a Terna a ritornare al tracciato originario, coincidente con l’autostrada. Prospettiva difficilmente praticabile perché già bocciata dal Ministero. Vogliamo un sindaco che non abbassi la testa di fronte ai poteri forti, ma che sappia affrontarli a testa alta”.