I lavori pubblici non partono ma partiranno, forse.

RIVALTA – Fra disguidi e difficoltà di vario genere, quattro dei lavori pubblici dei quali l’inizio e la fine erano previsti per la primavera-estate stanno inesorabilmente slittando, per lo più a data da destinarsi. Infatti, la Ditta appaltatrice della sistemazione di via Umberto I° nel tratto compreso tra piazza Santa Croce e via Della Vallà per iniziare i lavori dovrà attendere il 20 luglio, termine in cui scadranno i 35 giorni che la Legge accorda alle Ditte non prescelte per inoltrare opposizione. Perciò, fra un mese, se nulla osta, partiranno finalmente i lavori che comprenderanno  la scarificazione e l’asfaltatura del manto stradale,  e  la sistemazione dei marciapiedi, rialzati e realizzati in pietra di Luserna: “In realtà sul lato sinistro della via per chi arriva da piazza Santa Croce realizzeremo un marciapiede, sul lato destro una pista ciclopedonale nei sue sensi”, aveva spiegato l’Assessore ai Lavori Pubblici Roberto Fantoni. A intervento ultimato la circolazione veicolare sarà a senso unico verso il centro e l’illuminazione con lampade  a led simili a lanterne, due su pali e le altre sulle abitazioni, regalerà finalmente alla via il chiarore che le manca, mentre sulla piazzetta compresa fra i civici 16 e 24 lo spostamento verso l’esterno dell’aiuola favorirà  il parcheggio “sotto casa”. Il 15 settembre, invece, sembra essere il termine ultimo entro il quale dovrà essere realizzato il parcheggio in via Umberto I° quasi all’angolo con viale Cadore, dove con lo svincolo della Regione per l’uso civico e l’impegno dell’attuale occupante lo spazio una fascia della profondità di  6 metri per 150 di lunghezza circa diventerà finalmente il tanto agognato posteggio. Il ritardo di circa due mesi e mezzo sul tempo di realizzazione previsto in precedenza, spiega assessore Fantoni, “È dovuto al fatto che, dopo l’accordo fra le parti e l’approvazione del progetto, il privato che realizzerà il posteggio ha chiesto che prima dell’inizio lavori venisse stipulato il rogito con il quale una parte di terreno comunale diventerà di sua proprietà” Il rogito sarà stipulato il 22 giugno e si attende ancora, aggiunge Fantoni, il cronoprogramma in cui il privato precisi  le date di inizio e fine lavori e le relative fasi di  avanzamento. La costruzione in legno che entro la fine di maggio doveva trovare posto all’interno del Bocciodromo di via Monte Ortigara e diventare così l’Auditorium sarà invece terminata forse entro il prossimo 15 settembre. “La Ditta appaltatrice aveva avuto difficoltà nel trovare il legname adatto alle migliori condizioni. – spiega l’assessore – Sotto minaccia di revoca dell’assegnazione, ora sembra essere comparsa una Ditta di Brescia che ha però preteso tante, troppo, garanzie”. Adesso, invece, un cronoprogramma sembra aver messo tutti d’accordo, così che per l’autunno dovrà essere ultimata la costruzione di altezza compresa fra i 3,88 e i 4,50 metri,  isolante e ignifuga, con 250 posti a sedere, un palco a piano pavimento e la possibilità di proiezioni per il cinema. Sempre per  maggio era prevista l’apertura del bicigrill, sul lato sinistro di via Piossasco  arrivando dal centro e prima del ponte sul torrente Sangone.  Ma per il fabbricato di circa 45 metri quadrati – costruito e gestito da un privato – dove ciclisti in transito avrebbero trovato un bar dove ristorarsi, un’officina per procedere in prima persona o con l’aiuto del gestore alle necessarie riparazioni e un’area attrezzata dove riposarsi o lavare la fida due ruote sarà invece operativo la prossima primavera. “Il progetto che il privato aveva sottoposto alla Commissione Paesaggio nel novembre 2015 non ha ricevuto parere favorevole, così che è stato necessario ripresentarlo con le necessarie modifiche che sono state accettate a gennaio. – conclude Fantoni – Con un tale ritardo l’apertura prevista per Pasqua non sarebbe stata possibile, e il privato, per non “bruciare” un anno di concessione potendo lavorare solo un breve periodo prima dell’arrivo della brutta stagione, ha scelto di rimandare l’inizio lavori a settembre, in modo da essere pronto per la primavera 2017”.  Fra ritardi e rinvii, però, compare un’opera che, salvo cause di forza maggiore, avrà il suo inizio in questo mese di giugno e terminerà a dicembre 2016: è la riqualificazione di via I° Maggio in frazione Tetti Francesi, nel tratto compreso fra le vie Mattei e Pinerolo. I lavori a fasi successive comprenderanno la posa di fognatura e cavidotto illuminazione pubblica e area pozzi; la realizzazione della rotatoria all’incrocio con via Mattei, dei marciapiedi, sempre garantendo gli ingressi alle abitazioni e agli esercizi commerciali,  di attraversamenti rialzati, stalli, alberatura e di nuova illuminazione pubblica a led; la scarifica e la nuova asfaltatura del tratto di via interessato. La strada sarà perciò chiusa a tratti, secondo l’avanzamento dei lavori, garantendo sempre e comune la percorrenza dei mezzi, anche se in modo alternato, e informando cittadini ed esercenti dello spostamento che via via avrà il cantiere.