I raggi X? Si fanno a casa non più in Ospedale

radiografia

RIVOLI – Il Servizio di Radiologia a domicilio dei pazienti, a regime da settembre, che rientra nell’ambito del percorso di sviluppo dei servizi territoriali e della telemedicina andrà avanti. “Nello specifico, tale servizio garantisce l’effettuazione di radiografie domiciliari a persone anziane, disabili o le cui condizioni di salute non permettono il trasporto in una struttura ospedaliera, se non sottoponendole ad importanti disagi – dicono dalla Direzione Sanitaria nei Distretti di Susa, Rivoli, Collegno e Venaria con frequenza di un giorno alla settimana. Successivamente tra settembre e gennaio sono stati interessati rispettivamente il Distretto di Giaveno e Orbassano nonchè l’area montana della Valsangone con una frequenza di due-tre giorni alla settimana.  Le apparecchiature utilizzate dal servizio consentono di inviare al medico radiologo della Radiodiagnostica di Susa/Rivoli le radiografie prodotte al domicilio in tempo reale, attraverso, appunto, un sistema innovativo di teleradiologia. Il referto viene infine trasmesso al referente delle cure domiciliari. L’attività fino ad oggi espletata ha permesso di raggiungere un numero complessivo pari a 127 utenti che, considerate le condizioni cliniche vigenti, hanno beneficiato delle prestazioni radiologiche direttamente a domicilio.