“Il bilancio della Città Metropolitana è in crisi” Ferrentino ha ribadito la posizione della Regione

antonio ferrentino 1

S.ANTONINO – Sindaco e presidente della Comunità Montana Bassa Valle di Susa, quando ancora aveva dipendenti, bilancio e attività sul territorio, ora Antonio Ferrentino è consigliere regionale. Uno che in valle mastica politica da molto. A elezioni della Città Metropolitane svolte rimane il bilancio da approvare, o meglio, si dovrebbe proprio partire dal documento economico per dare vita al nuovo organismo.

Parliamo dei dipendenti e delle loro rappresentanze sindacali.

Oggi insieme con il collega Grimaldi, capogruppo di Sel, ho partecipato all’incontro tra le Rsu della Città Metropolitana e Aldo Reschigna, Vicepresidente della Regione Piemonte, alla presenza di Nino Boeti, Vicepresidente del Consiglio Regionale, e di Alberto Valmaggia, Assessore Regionale all’Ambiente”.

I temi?

La riforma Del Rio ha determinato la grave situazione in cui versa la Città Metropolitana, con la messa in discussione di importanti servizi ai cittadini, quali la manutenzione e il funzionamento degli istituti scolastici, la manutenzione delle strade, il diritto allo studio e la formazione professionale”.

Cosa farete come regione?

“La Regione Piemonte ha ribadito il mantenimento degli impegni assunti ai tavoli negoziali ma è consapevole di non poter risolvere, da sola, i problemi di bilancio dell’ente metropolitano“.

Cosa avete proposto?

Urge perciò l’apertura di un tavolo politico con i parlamentari piemontesi per valutare modifiche legislative atte a garantire i servizi ai cittadini e l’operatività dell’Ente“.