Il Castello di Caselette diventerà una struttura per anziani L'imprenditore veronese Sandrini l'ha preso per 300 mila euro

castello caselette

CASELETTE – Lo splendido Castello Cays di Caselette, dopo una trattativa partita da 1 milone e mezzo di euro, è stato venduto per 300 mila euro. Un bene storico, architettonico e culturale di rilievo, simbolo di una comunità, è adesso proprietà dell’imprenditore veronese Sandrini. I Cinque Stelle del paese non ci stanno e scrivono: “E’ inaccettabile che il sindaco e l’amministrazione di Caselette restino a guardare questa operazione senza nemmeno immaginare un percorso che porti alla completa restituzione del Castello alla collettività. Invece Comune e Regione non hanno finora esercitato il proprio diritto di prelazione consentendo la svendita, ad un prezzo ridicolo, di un pezzo di storia della Valsusa. L’atteggiamento rinunciatario della pubblica amministrazione ha consentito al soggetto privato di concludere un ottimo affare. Quali saranno i benefici per la comunità? Ad oggi solo parole e promesse, chi ci guadagna sono altri non certo i caselettesi“. Secondo il sindaco Pacifico Banchieri: “Certo la cifra mi ha colpito perchè non è certo molto alta per una struttura così, però, faccio notare che è stata una contrattazione tra privati. nei vicncoli d’acquisto per altro ci sono quellid’uso che prevedono ad esempio il parco e alcuni spazi di libero accesso alla comunità. Un comune come il nostro non avrebbe mai avuto una cifra vicina o più alta da investire nell’acquisto, nel consolidamento  e nella futura gestione– dice Banchieri – come amministrazione nutriamo fiducia in un progetto che ci sembra strutturato e funzionale al mantenimento del bene e ad un suo rilancio nel futuro“. Il castello dovrebbe diventare una struttura di accoglienza per persone autosufficenti che investirebbe economie per vare servizi. Non è improbabile che se andasse in porto questo progetto potrebbe creare un indotto economico in tutto il paese. Con i comuni e la Regione in bolletta, come dire “ci sta” che arrivino i privati salvare il Patrimonio Culturale.