Il “cucciolo d’uomo” Mowgli torna sul grande schermo passando da cartoon a film Disney ripropone un grande classico

libroginìungla

OPERAZIONE riuscita, la non semplice traduzione da cartone animato a film di una delle pellicole più classiche del suo repertorio: Walt Disney torna a far sognare i bimbi di tutte le età con le avventure del “Libro della giungla”. Protagonisti, oltre al bimbo Mowgli, interpretato da un giovanissimo attore in carne e ossa, le rielaborazioni in computer graphic degli altri personaggi animali della fiaba tratta dai racconti di Kipling: il branco di lupi di Akela e Raksha, la crudele tigre Share Khan, l’improbabile coppia della pantera Bagheera e dell’orso Baloo, oltre alle scimmie di Re Louie e al serpente Kaa. Stessi personaggi e stessa sceneggiatura con un bimbo adottato da un branco di lupi che deve lasciare la “famiglia” d’origine per preservarla dagli attacchi di una tigre ed è quindi riaccompagnato, attraverso l’ambientazione esotica della giungla, al più vicino villaggio degli uomini, per diventare grande e tornare a vivere con i suoi simili. La traduzione è fedele alla storia raccontata nel cartone originale, quindi, senza stravolgere i ricordi d’infanzia dei papà e delle mamme che portano al cinema i figli a vedere una storia d’iniziazione della transizione del bimbo dal mondo favoloso e magico dell’infanzia a quello ancora misterioso ma pieno di affascinanti e curiose novità dell’età adulta. Traduzione che non è però riproposizione delle stesse scene: ogni vicenda è arricchita da particolari inediti che si rifanno al soggetto di Kipling, chiudendosi con una scena nota agli spettatori, senza lasciarli smarriti in una giungla di fatto già esplorata da bambini. Ricordi arricchiti, per chi ama il 3D, dagli effetti speciali della versione in tre dimensioni, dando alla fantasia della storia e del ricordo il contorno concreto e realistico della ripresa cinematografica.

Eccezionale l’interpretazione del giovanissimo Mowgli, Neel Sethi, che riesce straordinariamente a recitare con coprotagonisti digitali, attori in tute mo-cap o fantocci creati dalla produzione per non lasciarlo solo sul set.

Nella versione italiana, d’eccezione, come sempre per i prodotti Disney, anche il cast di doppiatori con Toni Servillo (Bagheera), Giovanna Mezzogiorno (Kaa), Neri Marcorè (Baloo), Violante Placido (Raksha) e Giancarlo Magalli (Re Louie).