Il gruppo consiliare “Per Giaveno” parla della questione dell’Istituto Pacchiotti

L'Istituto giavenese "Giacinto Pacchiotti"L'Istituto giavenese "Giacinto Pacchiotti"

GIAVENO – I consiglieri del gruppo “Per Giaveno” Stefano Tizzani, Daniela Ruffino e Giovanni Mellano esprimono la propria preoccupazione riguardo le sorti del Consiglio di Amministrazione dell’Istituto Pacchiotti e del suo statuto. A seguito delle dimissioni di Neirotti non si sono più avute notizie sul CDA del Pacchiotti che ad oggi non rispetta lo statuto, che richiede cinque membri, mentre ad oggi ve ne sono tre. “Pare che l’Amministrazione comunale sia più interessata a portare avanti la Commissione di Inchiesta che a risolvere i problemi impellenti”, affermano i tre consiglieri. Il gruppo consiliare si dice impensierito dal silenzio che aleggia intorno alla questione ed auspica chiarezza, dal momento che a dicembre è spirato il termine per presentare una relazione in Consiglio. Tema che preoccupa “Per Giaveno” è inoltre la messa in sicurezza dell’edificio, poiché Don Luciano Allais, già presidente della Fondazione Pacchiotti, aveva indicato i lavori urgenti da portare a compimento, quali il rifacimento del tetto. E’ dunque fondamentale la ricerca di risorse per attuare questi interventi strutturali, “Ma ad un anno e mezzo dalle elezioni non sono arrivate iniziative da parte dell’Amministrazione sotto questo profilo” affermano i consiglieri.