Il messaggio di Maria Falcone agli studenti della Valle di Susa : “Voi giovani siete la vittoria della legalità” La sorella del Giudice accolta calorosamente a Susa dalle scuole di tutta la Valle

(Foto MC)(Foto MC)

SUSA – “Le idee continueranno a camminare sulle gambe dei giovani. Per vincere le mafie servono cultura e istruzione.” Parafrasando una frase storica del fratello Giovanni, Maria Falcone lascia agli studenti della Valle questo messaggio positivo. All’incontro di giovedì 25 febbraio presso l’ITIS Enzo Ferrari di Susa – affollatissimo – hanno partecipato classi di tutte le Scuole Superiori della Valle, di tutti i livelli dell’Istituto comprensivo di Susa e di Almese. In particolare i bambini della Scuola Primaria di Milanere che è proprio intitolata a Giovanni Falcone ed al collega Paolo Borsellino. E molti amministratori oltre ai rappresentati delle Forze dell’Ordine, delle Polizie Locali e delle Associazioni d’Arma.

Sono stati proprio questi ragazzi almesini, emozionatissimi, a strappare un attimo di commozione alla Falcone, leggendo alcune parole tratte dai suoi scritti, nonostante sia abituata a girare le scuole di tutta Italia : “Molto c’è ancora da fare e non bisogna abbassare la guardia. In Sicilia c’è ancora molto fare e per questo continuo su questo impegno, ma  nelle scuole c’è un attenzione superiore a quella degli inizi. Allora era cronaca, ora è storia. E questi giovanissimi sono meravigliosi.”

Soddisfattissima la Dirigente dell’Istituto Comprensivo di Susa Anna Giaccone: “E’ una giornata davvero importante. Che si inserisce nel più largo programma “Educazione alla Legalità”, fortemente voluto dalla Direzione dell’Ufficio Scolastico Regionale su tutto il territorio, e che prevede fra l’altro incontri con i Comandi locali dei diversi territori di Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia di Stato, anche su temi specifici che riguardano le nuove generazioni: dalla prevenzione  antidroga, al bullismo ed alla legalità finanziaria. La scuola deve essere sempre più un presidio di cultura della legalità, ruolo che forse in tempi passati si era un po’ perso e che invece dobbiamo tutti insieme, docenti, famiglie e studenti rafforzare”

All’incontro e al successivo dibattito aperto hanno partecipato il Procuratore Aggiunto di Torino Paolo Borgna, la Consiglierà Metropolitana Gemma Amprino, e il responsabile dell’Ufficio Scolastico Regionale.

Sono stati presentati anche un video realizzato dalla  Scuola di Venaus e quello realizzato dalla Fondazione Falcone prima di avviare il dibattito coi i giovani in sala e  posare nel giardinetto dell’Istituto una targa commemorativa ai Magistrati caduti vittime della Mafia ed alla giornata odierna.