Il Presepe degli gnomi del Gran Bosco Una sessantina di piccoli gnomi realizzati in legno

(foto Alberto Milesi)(foto Alberto Milesi)

SALBERTRAND – Ci sono presepi di ogni tipo. A Salbertrand quest’anno nasce un presepe unico nel suo genere. Unico per due motivi. Il primo perché tuti i personaggi che compongono la scena sono degli gnomi. Il secondo perché è stato realizzato interamente a mano da un gruppo di scultori dell’alta valle. Una sessantina di piccoli gnomi realizzati in legno, popolano un angolo di sottobosco dando vita ad una tribù alle prese con la vita quotidiana e un po’ stupiti dalla novità di uno gnometto appena nato in una grotta. Gli scultori coinvolti in questo progetto sono dieci di ogni età provenienti da Salbertrand e Bardonecchia. Un progetto nato per gioco. “È come se fossimo andati nel bosco e avessimo davvero incontrato delle piccole creature e non potendole fotografare le avessimo poi riprodotte in legno così come le avevamo viste quindi ognuno con un punto di vista diverso in quanto soggettivo. Alcuni di noi non avevano mai scolpito il tondo ed è stato un modo simpatico per provare nuove tecniche “. L’idea di realizzare un presepe è stata proposta all’Ecomuseo Colombano Romean, che ha dato piena disponibilità alla istallazione presso i locali del Hotel Dieu. Il presepe è visibile in qualunque momento essendo alloggiato nella vetrina del Hotel Dieu al centro del paese vicino alla fontana storica del 1524 appena restaurata. Sculture realizzate da: Alberto Capellino, Andrea Silvestro, Carmen Antonicelli, Daniele Biolati, Dario Milesi, Elisabetta Serra, Gian Vittore Pontarollo, Lucrezia Serra, Sofia Silvestro, Sonia Farina.