Il video “Veritav”, favorevoli e contrari sui social Molti i commenti dopo l'uscita del video in web

veritav

Il link del video https://www.youtube.com/watch?v=7ub6bAcs0YM

C’era da aspettarselo, che non fosse un video semplice da digerire era scontato, fin dalla prima pubblicazione sono piovuti commenti di vario tipo. A guardarlo bene, oltre l’approccio in qualche parte artigianale, rimangano molti dati tecnici espressi da persone del “campo”. Ingegneri, magistrati, dottori, ricercatori, esperti di finanza…insomma tutto il mondo accademico è sceso in campo per dare una precisa risposta ad una trasmissione televisiva. Francesca Frediani ha scritto: “Di tutto questo ridicolo video vi consiglio solo la battutona al minuto 00.40. Perché rende bene l’idea di come Foietta sia una figura totalmente inadeguata a ricoprire il ruolo di mediatore. Il papillon non basterà per essere un presentatore, ma non basta nemmeno una nomina per essere all’altezza di un compito. Ma d’altra parte… l’arroganza e la strafottenza del PD non sono certo una novità. Non so voi… ma io non voglio mettere il mio destino nelle mani di queste persone“. Pronta al risposta di un utente FB con profilo immaginario: “Di 17 minuti di “dati, numeri, testimonianze” solo una battuta merita di essere ascoltata? Ah già, le voci diverse o sono noiose o sono ridicole. Ma che c’entra il PD? ho ascoltato voci di esperti non di funzionari di partito. E il fatto che abbiano detto le stesse cose che ripeto io da tempo, pur non avendo nulla da spartire col PD, mi conforta sulla correttezza delle valutazioni. Mi spiace solo che un tale servizio non sia potuto andare in onda sulla TV di Stato per la quale pago il canone”. Valutazioni più scontate sulla pagina FB “Si TAV” con Rosa Brusin che scrive: “E’ anni che aspettavo un video così” e Teghille che dice: “I nostri amici non si prenderanno nemmeno la briga di vederlo fino in fondo convinti di avere in tasca la verità assoluta!“. Nel mondo No Tav pochi i commenti forse per riservatezza, forse per non amplificare l’effetto delle visualizzazioni.