Incidente di Condove: la centralina Abs del furgone potrebbe fornire delle risposte Proseguono le indagini per accertare le responsabilità della tragedia

Incidente a CondoveIncidente a Condove

CONDOVE- Proseguono le indagini e soprattutto le perizie tecniche sull’incidente della rotonda del Gravio di Condove avvenuto il  9 luglio scorso quando  Maurizio de Giulio alla guida del suo furgone Ford Transit ha travolto la moto di due giovani uccidendo Elisa Ferrero e ferendo gravemente il suo fidanzato Matteo Penna.

VEDI ANCHE: http://www.lagenda.news/video-incidente-moto-condove-omicidio/ http://www.lagenda.news/motociclista-condove-non-ricorda-lincidente/

De Giulio è in carcere da luglio con l’accusa prima di omicidio stradale, poi  aggravata in di omicidio volontario e sostiene di aver  cercato di fermare il mezzo, ma le immagini di una telecamera di sicurezza attive quel giorno mostrano il furgone che trascina la moto per parecchi metri.

Il Pm Paola Stupino ha quindi approvato la richiesta dei legali di De Giulio autorizzando l’accertamento irripetibile quale incidente probatorio sulla centralina Abs del Ford Transit per chiarire se ci sia stato o meno un tentativo di frenata prima dell’impatto con la moto, di cui a terra non sono state rilevate tracce dai Carabinieri.

In caso di frenata in atto la centralina controlla il modo in cui le ruote rallentano, verificando che la diminuzione della velocità di rotazione sia corretta e rientri all’interno dei parametri memorizzati. Se i sensori su una o più ruote rilevano velocità che il calcolatore ritiene non corrette parte un comando ai riduttori di pressione che diminuiscono la forza frenante sulle ruote in questione riportando il pneumatico in condizioni di aderenza.

Il sistema quindi potrebbe contenere importanti informazioni per chiarire la dinamica dell’evento per questo la centralina, sequestrata dai Carabinieri subito dopo l’incidente, sarà presto inviata alla fabbrica produttrice Bosch in Germania per essere analizzata con la speranza che i dati in essa contenuti possano dare una risposta ai dubbi degli inquirenti e delle famiglie.

Intanto Matteo Penna resta ricoverato al CTO di Torino per le gravi ferite riportate e continua ad avere difficoltà nel ricordare l’accaduto.