La “Cena in bianco” a Bardonecchia in una magnifica atmosfera Una iniziativa della Proloco Bardonecchia

(foto Carola Scanavino)(foto Carola Scanavino)

BARDONECCHIA – La Tur d’Amun, antica sede della famiglia che governava queste terre, le luci soffuse delle candele e laggiù Bardonecchia illuminata dai lampioni e i riflessi della luna. Un’atmosfera d’altri tempi in un clima festoso ed emozionante così si è svolta la Cena in Bianco organizzata dall’Associazione Turistica Proloco Bardonecchia in collaborazione con Osteofit Associazione Sportiva Dilettantistica Bardonecchia e l’Associazione Crescere Insieme Onlus Torino presenta. Com’è nata l’idea delle Cne in bianco? Era il luglio del 2012 e una donna di Torino, Antonella Bentivoglio d’Afflitto, non immaginava che la sua idea torinese si sarebbe trasformata in un fenomeno di massa. Ecco le cene in cui migliaia di persone vestite di bianco apparecchiano la tavola in parchi e piazze, trasformando un pezzo di città in un salotto sotto alle stelle. La prima è nata a Torino in Piazzetta Reale, con un esordio di 21 invitati iniziali che in pochi giorni sono diventati 2.400. Oggi le «white dinner» sono 187: si sono diffuse in tutta Italia, da Venezia a Roma, da Napoli a Biella, e vedono la partecipazione di circa 300 mila persone; comprese quelle di Bardonecchia.