La cerimonia di Rivoli per la consegna delle Medaglie della Liberazione Domenica 20 novembre per 109 persone riceveranno

liberazione

RIVOLI – Domenica 20 novembre 2016, 109 persone riceveranno – presso il Centro Congressi del Comune di Rivoli – la Medaglia della Liberazione. Più di 400 persone in provincia di Torino (partigiani, ex internati nei lager nazisti, combattenti inquadrati nei reparti delle Forze Armate o familiari dei deceduti), vengono insigniti della Medaglia della Liberazione, conferita con decreto del Ministro della Difesa. L’iniziativa, promossa dal Comitato Resistenza e Costituzione del Consiglio regionale, in collaborazione con la Prefettura di Torino, si articola in quattro giornate. Dopo i due appuntamenti – il 13 novembre a Torino e il 19 novembre ad Ivrea – il terzo è previsto per domenica 20 novembre alle 10:00 al Centro Congressi del Comune di Rivoli – via Dora Riparia, 2. La cerimonia si svolgerà alla presenza del vicepresidente del Consiglio regionale delegato al Comitato Resistenza e Costituzione Nino Boeti, del Prefetto di Torino Renato Saccone e dei sindaci dei Comuni in cui risiedono i partigiani insigniti. L’iniziativa del Ministero della Difesa, nata lo scorso anno in occasione del 70° anniversario della Guerra di Liberazione e della Resistenza, ha lo scopo di riconoscere l’impegno e il sacrificio di quanti si batterono per affermare i principi di libertà e indipendenza sui quali si fonda la Repubblica e la Costituzione, e alllo stesso tempo di diffondere tra le nuove generazioni la conoscenza dei fatti del passato e dei sacrifici che sono stati fatti per dare un nuovo futuro al Paese. “E’ un riconoscimento tangibile a quanti combatterono per la liberazione, un riconoscimento che ancora non era mai stato assegnato – ha dichiarato il vicepresidente del Consiglio regionale cogliendo l’occasione per ringraziare – le associazioni dei partigiani per l’opera di memoria attiva che consente a tutti di mantenere vivo il ricordo di ciò che è stata la lotta di Liberazione“. La medaglia riproduce un dettaglio della monumentale cancellata in bronzo del Mausoleo delle Fosse Ardeatine a Roma. Un capolavoro artistico in cui l’avviluppo contorto degli elementi rappresenta figurativamente l’orrore umano di quella tragedia