La festa dell’arte è in Piazza d’Armi a Susa Il Borgo dei Nobili e i Nani sulle spalle dei Giganti da venerdì 1 a domenica 2

festival

SUSA – Ecco il  I° Festival dell’Arte nascere in Piazza della Repubblica da una collaborazione tra l’Associazione Teatrale “I Nani Sulle Spalle dei Giganti” del presidente Giada Fusini e il Borgo dei Nobili del  presidente Fausto Mostacci. La collaborazione tra le due Associazioni è attiva già da 5 anni e viaggia a braccetto. Dicono gli organizzatori: “Siamo un bel gruppo e il fatto che tanti membri del direttivo dei Nani fanno parte del Comitato dei Nobili e viceversa è una bella realtà. Volevamo creare qualcosa di nuovo un po per cambiare queste feste di Borgo in fondo sempre uguali e un pò per valorizzare tutto ciò che riguarda l’arte dato che a Susa è molto difficile fare arte, abbiamo unito l’utile al dilettevole ed è nata questa iniziativa“. Ecco il programma che partirà venerdì 1 luglio alle ore 19 con l’apertura stand gastronomici a cura del Borgo dei Nobili e stand birra artigianale a cura di Renzo Gotto. Alle 20 la presentazione del Festival e presentazione degli artisti che espongono all’interno del festival. Alle ore 21 concerto live dei “I 60 beat”. Sabato 2 luglio alle 19 l’apertura stand gastronomici a cura del Borgo dei Nobili e stand birra artigianale a cura di Renzo Gotto, alle 20 l’esibizione scuola di danza Prestige di Susa di Eleonora Lombardo  e alle 21 la proiezione su maxi schermo quarti di finale EURO2016 Germania – Italia. Certo spiace che neglistessi giorni un movimento politico abbia organizzato a pochi passi una manifestazione. Con un pochino di rabbia comunque i ragazzi del teatro e del borgo dicono: “Noi comunque saremo li come sempre e come ogni volta che ci viene chiesto di fare la nostra parte per qualsiasi altra iniziativa, detto questo rimane un grosso rammarico per quella che noi definiamo una mancanza di rispetto verso le nostre associazioni e dunque tutti i partecipanti. Ogni volta che veniamo tirati in causa rispondiamo sempre si e tutto sempre volontariamente sottraendo tempo alle nostre famiglie il tutto gratuitamente per la nostra amata città nella quale noi crediamo molto“.