La Pallavolo Giaveno Tam Tam regala emozioni infinite!!!! Campione provinciale Uisp batte il Lingotto eccellenza in finale

tam tam

 

di ANDREA SUPPO

Pallavolo Giaveno- Safa 2000 2-1 (23-25; 25-17; 15-10)

Pallavolo Giaveno- 2D Lingotto 2-0 (29-27; 25-22)

Pallavolo Giaveno: Lioy(K), Melis, Brunfranco, Fragomeli, Ferrante, Cevrero, De Biasi, Pregnolato, Marri, Lussiana, Taranzano.

Domenica 22 è il giorno delle final four dei campionati UISP e per la Pallavolo Giaveno è un’ottima occasione per mettere la ciliegina sulla torta su questa fantastica stagione. Sulla strada del successo il Safa 2000 e il temutissimo Lingotto che le ragazze Giavenesi conoscono bene. Infatti proprio contro il Lingotto le nero-verdi avevano giocato gli ottavi di finale provinciali a febbraio perdendo e si erano successivamente incontrati nei play-off cedendo in casa delle Torinesi per 3-1 dopo una partita dalle mille emozioni. Per la compagine del Tam Tam questa giornata vuol dire possibilità di riscatto nonché la perfetta occasione per testare i progressi visti nelle ultime settimane. Prima del Lingotto però vi è il Safa che si gioca al meglio le sue carte mettendo in grossa difficoltà le ragazze di coach Suppo che nonostante il vantaggio in tutto il set lo cedono malamente per 25-23. Strigliata e si rincomincia con la convinzione che da quel campo non si poteva uscire sconfitti e così è stato, punto dopo punto le ragazze di Giaveno riequilibrano la situazione e vanno a vincere nel, decisivo, terzo set. Questo vuol dire finale contro il Lingotto, purtroppo però Cevrero si fa male e nonostante faccia di tutto per riprendersi è costretta a saltare la sfida finale. Grossa tegola in casa Tam Tam che deve correre ai ripari perché le Torinesi in attacco fanno male e un muro basso avrebbe decretato la fine certa di ogni speranza di successo. Coach Suppo parte con Marri dentro in cabina di regia e da le giuste competenze alla squadra per riuscire a contrastare la potenza offensiva delle avversarie. Il punteggio è duro 12-6 per il Lingotto così dentro Melis per Pregnolato in prima linea e Lussiana per Marri in seconda linea, qualcosa scatta tra le fila del Giaveno che diventa impeccabile e l’ottima correlazione muro-difesa regala punti importanti e la possibilità di agganciare le Torinesi. Il set volge verso il termine e vede il punteggio di 24-20 per le avversarie ma il Tam Tam vuole scrivere il destino di questo match e così Marri fa un muro punto decisivo e si porta in battuta dove regala battute positive e anche un ace da cui deriva l’aggancio a 24-24. Un set da cardiopalma con grandi difese 25-24 Lingotto e di nuovo 25-25, 25-26 Giaveno e di nuovo 26 pari, 27-26 Lingotto ma Brunfranco con un attacco da seconda linea dice no, 27-27 e qui il capitano Lioy si prende sulle spalle la squadra e la porta al definitivo 29-27. Secondo set in cui il Lingotto fa un cambio in cabina di regia mettendo dentro il primo palleggiatore, Giaveno però combatte e dentro gli occhi delle ragazze si inizia ad intravedere quel fuoco che arde di passione e di desiderio di raggiungere un obiettivo. Ferrante scaccia via i fantasmi e con dei lungo linea magistrali porta il Giaveno a più 2. Verso le battute finali del set le nero-verdi agguantano il match point 24-21. Battuta Lingotto ricezione di Ferrante palleggio di Lussiana e attacco in rete di Fragomeli, 24-22 time-out Giaveno. Si riprende fiato e coach Suppo chiede un’altra palla per Fragomeli e indica il punto di debolezza nella difesa Torinese. Si rietra, azione fotocopia con esito diverso perché Fragomeli effettua un pallonetto dietro il raddoppio a muro del Lingotto ed è così 25-22. Festa in campo da parte di genitori e ragazze!!!! La parola a coach Suppo: “Una festa per una vittoria nel nostro secondo campionato può sembrare eccessiva ma noi abbiamo sempre visto il Lingotto come un modello di riferimento dal torneo di Rivarolo ad ottobre e da lì abbiamo lavorato per poter arrivare a fine stagione e riuscire a giocarcela con una squadra di questo calibro. Agli ottavi non c’è stata storia e lì abbiamo capito che la strada era ancora molta ma non ci siamo abbattuti, circa un mese fa una nuova sfida dove abbiamo capito che il gap era un po’ diminuito e poi infine oggi, questa vittoria, quasi insperata. Ecco il perché di questa gioia, ci abbiamo lavorato, abbiamo sudato, sacrificato e inseguito con tutti noi stessi e alla fine ci siamo riusciti. Devo ringraziare questo gruppo che non aveva più nulla da dimostrare e che aveva già dato tanto ma loro sanno che in questo sport non ci si può mai fermare e bisogna sempre guardare a chi è migliore di noi e apprendere da loro, ispirarci e magari un domani vincerci anche contro come è successo a noi. E’ bello che in ragazze così giovani arda così forte la passione per questo sport ed io non posso che essere orgoglioso di ognuna di loro”. Ora la stagione del Giaveno può dirsi ufficialmente conclusa anche se siamo dell’idea che questo gruppo farà una certa difficoltà a fermarsi. Grazie a tutti coloro che l’hanno sostenuto, amato, condiviso e perché no invidiato e criticato perché ci hanno aiutato a diventare quelli che siamo!!!