La prenotazione degli esami? In farmacia. I commenti Dalle farmacie: "Potremmo garantire un servizio che ha dei costi"

farmacia-dolores-rosa-02

L’Asl ha firmato un primo accordo con una farmacia aderente sul servizio in base al quale tutti i clienti della farmacia potranno effettuare prenotazioni di visite specialistiche ed esami di laboratorio presso le strutture della ASL TO3; tutti giorni della settimana, dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 16.  Il primo caso è a Collegno dove il servizio sarà svolto da tutti i farmacisti in servizio, che verranno formati dal personale dell’ASL. Il servizio di prenotazione e consegna referti presso la prima farmacia sarà attivato a partire da metà del prossimo gennaio. Il Direttore Generale dell’ASL Flavio Boraso ha dichiarato: “Si tratta di servizi che sviluppandosi progressivamente sul territorio potranno ridurre disagi e spostamenti nonché contribuire a snellire le attese presso i centri prenotazioni”. Cosa ne pensano i farmacisti dei nostri paesi? La voce arriva da Federfarma Piemonte, che rappresenta le farmacie del territorio. Dice il direttore Andrea Colombo: “Il servizio sarebbe indubbiamente utile per gli utenti, e le farmacie sarebbero pronte ad organizzarsi. La prenotazione comporta tempi di lavoro, professionalità e costi che non possono essere assunti dalle farmacia con un semplice passaggio dalle competenze proprie dell’ASL. Abbiamo ipotizzato un costo minimo che garantirebbe alla farmacie di  fornire un servizio che allo stesso tempo darebbe un risparmio agli utenti ma l’ASL non si è dichiarata favorevolmente”. Aggiunge il dottor Marco Canavoso, farmacia in Susa: “Pensare, ad esempio, ad un costo di due euro per prenotazione per un utente che dall’alta Valle deve scendere fino al CUP di Susa farebbe risparmiare denaro e tempo. Le farmacie non voglio guadagnare nulla ma poter dare un servizio che altrimenti non hanno la possibilità di erogare”.