La Regione dice si alle fermate ferroviarie a Orbassano, Grugliasco e Ferriera Un investimento di 70 milioni di euro collegati alla TAV che termineranno entro il 2020

Il progetto della nuova stazione ferroviaria a FerrieraIl progetto della nuova stazione ferroviaria a Ferriera

TORINO -Mercoledì 18 maggio in Regione Piemonte, è stata approvata, in Conferenza dei Servizi, la modifica dell’Accordo di Programma del 2012, che prende atto del finanziamento RFI del progetto della Nuova Linea Torino Lione e comprensiva di attrezzaggio della linea, banchine, segnalamento e realizzazione del nuovo cavalcaferrovia sulla S.P. San Luigi – Beinasco. Nascerà cosi la stazione di San Luigi-Orbassano, comprensiva di movicentro e parcheggi di attestamento, oltre che la fermata Ferriera-Buttigliera Alta. Limporto complessivo sarà di 52,5 milioni di euro. L’Accordo di Programma Regione Piemonte – TRM – RFI convenuto in Conferenza dei Servizi destina 18,5 milioni di euro per la realizzazione delle fermate Le Gru-Grugliasco e San Paolo. La progettazione sarà conclusa entro l’estate 2016, in autunno le Conferenze dei Servizi e nel 2017 inizieranno i lavori di realizzazione degli interventi della nuova linea. Si dà quindi corso alle anticipazioni di opere connesse alla Nuova Linea Torino-Lione della Tratta Nazionale programmate nell’Osservatorio Tecnico il 17 dicembre 2015, realizzando interventi sulla mobilità metropolitana, attesi da anni dai diversi territori, con un investimento complessivo di oltre 70 milioni di euro ed un cronoprogramma stringente, che prevede l’avvio dei lavori nel 2017 e l’esercizio nel 2020.

Tutte le fermate avranno soluzioni architettoniche unitarie, per gli imbocchi dei tunnel, i fabbricati e le opere d’arte, permettendo di conseguire un’identità architettonica comune.
Consentiranno inoltre secondo gli indirizzi progettuali un’efficiente interconnessione tra le reti di trasporto facilitando l’interscambio con autobus, siarispetto a linee esistenti del trasporto pubblico locale per le fermate passanti di San Paolo e Quaglia-Le Gru, sia con la realizzazione del movicentro per le soluzioni di San Luigi-Orbassano e Ferriera. Verranno inoltre realizzati  parcheggi di attestamento dedicati per 400 posti auto per San Luigi-Orbassano, utilizzabile anche dagli utenti dell’ospedale, e in numero inferiore, ma adeguato per le altre fermate. Le nuove stazioni saranno interconnesse al sistema ciclo-pedonale in corso di realizzazione sul quadrante Sud-Ovest della conurbazione metropolitana di Torino (Torino, Orbassano, Beinasco, Rivalta).

Le soluzioni progettuali proposte mirano anche alla riqualificazione di aree “residuali”, di mantenere inalterate le naturali caratteristiche drenanti del terreno evitando ulteriore consumo di suolo. Cosa che verrà attuata costruendo sotto il livello del suolo, compresoil rilevato ferroviario esistente, e senza la realizzazione di nuovi edifici, con relativa rinaturalizzazione arborea e vegetaledelle aree di pertinenza.