La Tribù della Mamme e i bimbi del Rodari innondano Condove di gocce gentilezza Lasciati in paese bigliettini con frasi di cortesia e simpatia

goccia

CONDOVE – Tutto comincia da questa frase che in tanti avranno sicuramente letto “praticate gentilezza a casaccio e atti di bellezza privi di senso”. La frase venne scritta per la prima volta da una scrittrice californiana su una tovaglietta di un ristorante; l’uomo accanto a lei la lesse e ne rimase meravigliato; da quel momento iniziò tutto; qualcun altro la lesse e cominciò a far piovere gentilezza a caso, qualcun altro la scrisse sui muri e qualcun altro ancora la riportò sui giornali, senza sapere da dove venisse. E’ di Anne Herbert, che la appuntò per la prima volta nemmeno lontanamente immaginando che da lì avrebbe fatto il giro del mondo e avrebbe germogliato. Poi c’è Anna, in arte Tulimami, artigiana, donna e mamma super creativa che con le sue gocce gentili  ha deciso che la gentilezza non avrebbe potuto assolutamente fermarsi e avrebbe dovuto continuare a piovere ovunque. Quando la Tribù delle mamme si è imbattuta in questo progetto “gentile” non ha potuto rimanere indifferente, d’altronde “Tutto ciò di cui pensi debba essercene di più puoi farlo a casaccio”, diceva la Herbert. Quindi in occasione del penultimo incontro di lettura con i bimbi dell’ultimo anno della scuola materna Rodari, anche loro hanno deciso di realizzare le loro gocce gentili per diffondere gentilezza anonima in tutto il paese. Le gocce colorate dai bambini sono state liberate in giro per Condove ieri pomeriggio, sono state appese nei posti più diversi, sui manubri delle biciclette, nelle buche delle lettere, sullo specchietto di un’auto, alla maniglia di un portoncino; chiunque potrà trovare un messaggio gentile e rimanere stupito e grato di un atto di gentilezza così speciale. E la frase scritta dietro ogni goccia “Sii gentile quando possibile. Sempre è possibile!” non può che essere un invito per tutti a diffondere gentilezza ogni giorno, nei posti più diversi. Un piccolo sorriso lasciato in modo anonimo dove qualcuno lo possa trovare può rallegrare la giornata a chiunque e può affermare che il mondo è un posto gentile. Così noi della Tribù insieme ai bimbi ci siamo uniti a questo movimento di gentilezza gratuita per dare il nostro contributo al progetto nato dalla mente originale di Tulimami, a cui stanno partecipando persone in tutta Italia. Concludiamo così la nostra serie di incontri di lettura con la scuola materna dopo avere conosciuto insieme ai bimbi i capolavori dell’autore Leo Lionni, genio della letteratura per l’infanzia che attraverso parole e illustrazioni molto semplici è riuscito a diffondere tra i bambini e tra gli adulti messaggi molto importanti come la “gentilezza”. Ci siamo divertite a chiacchierare con i bambini su temi fondamentali quali l’amicizia, i sogni, la ricerca delle nostre qualità e dei nostri talenti; i nostri ospiti hanno partecipato con entusiasmo facendo domande e esponendo le loro riflessioni. Speriamo con tutto il cuore che il nostro progetto che vede come tema principale l’importanza della lettura ad alta voce come strumento di conoscenza di sé e degli altri, possa continuare nei prossimi anni con la scuola materna e con la scuola elementare. Un grazie speciale alle maestre dell’asilo che una volta al mese hanno accompagnato i bimbi di 5 anni in biblioteca per ascoltare le letture e per realizzare piccole attività manuali. Bimbi, vi aspettiamo con i vostri genitori alla festa finale che si terrà a Giugno, così faremo vedere a mamma e a papà quanti libri abbiamo letto insieme!