L’amministrazione Plano dice si al cavidotto Terna in centro alla città Dure polemiche in Consiglio Comunale

municipio susa

SUSA – Si è svolto mercoledì 13 aprile, a Palazzo Buttis, un Consiglio Comunale con diversi punti all’ordine del giorno. Tra i più discussi indubbiamente quello sull’approvazione del progetto di Terna. Si parla del collegamento che nel 2007, i governi italiano e francese sottoscrissero con un contratto di mandato a  Terna S.p.A. e Réseau de Transport d’Electricité S.A. per il passaggio di una nuova rete elettrica. Terna ha studiato il progetto poi valutato dal governo, dal ministero dell’ambiente e da quello dello sviluppo economico, ed ha approvato il collegamento “Piemonte-Savoia”, tra la stazione elettrica di Piossasco  e quella di Grande Ile. Un primo progetto prevedeva il passaggio della linea a fianco dell’Autostrada Torino-Bardonecchia, l’attuale al centro dei paesi. Ecco il nodo della discordia tra maggioranza e opposizione, con degli interventi dal pubblico presente. A presentare la nuova linea è stato l’ingegner Camarchia di Terna che ha sviscerato la linea sotto l’aspetto tecnico. Dura la presa di posizione di Gemma Amprino Giorio, sindaco della passata amministrazione. “Intanto un ingegnere non può relazione su aspetti legati alla salute – ha detto la Amprino – poi non comprendiamo perchè anzichè passare sulla dorsale dell’autostrada si passerà in paese con inevitabili disagi e in più con un lascito illimitato del suolo e del passaggio. Non comprendiamo la scelta del sindaco Sandro Plano  di non interessare la struttura autostradale e compromettere così la città”.