L’autoporto da Susa a San Didero, inviate le lettere per l’esproprio dei terreni Incontro tra Telt e il sindaco del piccolo comune

Il progetto dell'autoporto a San DideroIl progetto dell'autoporto a San Didero

SAN DIDERO – L’autoporto di Susa traslocherà a San Didero, piccolissimo comune di appena 560 abitanti. Il progetto è definitivo e conferma la collocazione su un’area di 68 mila metri quadri compresa tra la Strada Statale 25, l’autostrada Torino-Bardonecchia, l’area industriale di Bruzolo e la Dora Riparia. Secondo il progetto, troveranno posto 300 parcheggi per camion e il sito sarà collegato con l’autostrada per mezzo di due nuovi svincoli e con la statale da due rotonde in sequenza. Per la realizzazione del nuovo autoporto si prevede una spesa intorno agli 86 milioni di euro. L’area è la stessa su cui, alla fine degli anni Settenta, avevano preso avvio i lavori per la realizzazione dell’autoporto che poi però venne costruito a Susa. L’autoporto prenderà questa nuova sede perchè sull’attuale spazio occupato sorgerà la stazione internazionale ferroviaria della Torino-Lione e altre infrastrutture alla nuova linea ad alta velocità. In questi giorni sono partite le lettere ai proprietari dei terreni di San Didero per gli espropri necessari a dare via ai lavori che partiranno quanto prima per un un cantiere che durerà due anni. Nei giorni scorsi i funzionari di Telt, progettisti dell’opera, incontreranno il primo cittadino del paese.