L’Avis di Giaveno propone l’attività Ugo Giai Baudissard: "Grazie alla generosità dei donatori aiutiamo molti ammalati"

avis

 

GIAVENO – Sabato mattina 23 gennaio, in occasione del mercato, l’AVIS comunale di Giaveno è stata presente con un gazebo sul sagrato della Chiesa per invitare la popolazione alle prossime donazioni di sangue. “Grazie a uscite in piazza come questa – afferma il vicepresidente dell’AVIS comunale Ugo Giai Baudissard – riusciamo a pubblicizzare questa importantissima attività che, grazie alla generosità dei donatori, aiuta molti ammalati.” Non tutti sanno, infatti, che per un trapianto di fegato occorrono in media 24 unità di plasma, 14 di globuli rossi e 2 di piastrine. Numeri non da poco, ma il direttivo si dice soddisfatto in ragione del crescente numero di donatori che ogni anno aumenta per contribuire a questa causa altamente meritoria. Si è passati infatti dalle 595 donazioni del 2014 alle 702 del 2015, un ottimo traguardo – uno dei migliori a livello regionale- anche se il miglioramento deve essere inarrestabile. Molti giovani si sono avvicinati all’esperienza delle donazioni, merito dell’autoemoteca che periodicamente si reca presso il Blaise Pascal, contando tra gli 80 e i 90 studenti donatori l’anno. I prossimi appuntamenti presso tale istituto avverranno l’11 maggio e il 9 novembre prossimi, come ci dice il presidente Cosimo Zaza. È evidente come tale attività benefica stia a cuore a molte persone, unendo anche culture e religioni diverse. Molti sono infatti anche i cittadini di origine straniera che contribuiscono alla causa, mostrando come il fare del bene unisca anziché dividere, sottolinea il direttivo. L’AVIS giavenese, che conta 400 membri effettivi, ha festeggiato lo scorso settembre il 65° anniversario ed ha suggellato l’evento con un monumento sito in p.zza Donatori di Sangue. Le prossime donazioni si terranno domenica 24 gennaio dalle 8.30 alle 11.30 nella sede di v.le Regina Elena e sull’autoemoteca (posta nel viale alberato antistante) per la plasmaferesi e lunedì 25 gennaio solo presso la sede, nello stesso orario. I requisiti per essere donatori sono verificati tramite un questionario sull’età e le abitudini,mentre lo stato di salute mediante una visita del medico presente in loco. Non occorre presentarsi a stomaco vuoto, è bensì consentita una frugale colazione ed al termine del prelievo verrà offerto ai donatori un piccolo ristoro. Sarà inoltre possibile scaricare il referto delle analisi svolte direttamente dal sito mediante una procedura online.