Le biblioteche della Valsusa si staccheranno dalla rete di Pinerolo? La capofila dovrebbe essere a Susa

Il palazzo dell'ex Pretura a SusaIl palazzo dell'ex Pretura a Susa

SUSA – Potranno le biblioteca della Valsusa vivere e gestirsi in modo autonomo rispetto alla rete che fa capo a Pinerolo? La risposta attente da anni che che il territorio sappia gestirsi per creare un circuito proprio. La sfida culturale, e gestionale, è stata lanciata dall’Unione dei Comuni ed ha come capofila Susa che metterà a disposizione i locali dell’ex Tribunale di Pace (già Pretura) a due passi dal municipio.

Il progetto

L’Unione dei Comuni della Bassa Valsusa, una delle cinque unioni presenti sul territorio, sta portando avanti da mesi il progetto che adesso, dopo la riunione tra i volontari che gestiscono le venti biblioteche della bassa Valsusa hanno eletto Aurelio Amprino di Vaie rappresentante. Nulla è ancora in atto, adesso si cercherà di coinvolgere la Regione e le biblioteche dell’alta Valsusa.

La rete

Bisogna ricordare che sul territorio dell’Unione Montana Alta Valsusa ci sono quattro biblioteche, altre tre in quello dell’Unione Montana Comuni Olimpici Via Lattea. Quindi il totale valsusino arriverebbe a 27. L’Unione con sede a Bussoleno presenterà il progetto in Regione intanto dovrebbero partire i lavori di ristrutturazione dei locali di via Palazzo di città a Susa, dove troverà forse posto il centro rete. La biblioteca cambierà nuovamente posto, per anni al Castello poi all’Asilo Umberto e tra qualche mese nell’ex Tribunale.