Legittima difesa: raccolta firme della Lega Nord Valsangone-Giaveno Il commento del segretario Stefano Olocco

legittima difesa lega nord

GIAVENO – La Lega Nord sezione Valsangone-Giaveno scenderà in piazza con un gazebo a partire da sabato 7 maggio per raccogliere le firme a supporto della proposta di legge di iniziativa popolare sulla legittima difesa dal titolo “Introduzione della difesa legittima ed inasprimento delle pene per furto in abitazione”. A seguire riportiamo quanto comunica al riguardo il segretario della Lega Nord sezione Valsangone-Giaveno, Stefano Olocco: “Sabato 7 Maggio partiremo con la raccolta firme per la legittima difesa, iniziativa che nasce per dare forza alla legge che già nel febbraio del 2015 la Lega Nord (unica forza politica) ha depositato sull’estensione e sulla certezza della legittima difesa. Alla Camera abbiamo utilizzato gli spazi concessi per le minoranze per trattare questo argomento in aula. In Commissione Giustizia, con relatore Nicola Molteni, abbiamo iniziato l’iter di discussione del provvedimento a novembre 2015, ove però il Governo, il Partito Democratico, con la coalizione di maggioranza,  hanno prima bocciato il nostro testo  e poi hanno proposto una soluzione completamente inutile, stravolgendo la nostra soluzione che determinava che la difesa è sempre legittima e non può essere un reato, evitando così l’intermediazione del giudice nello stabilire la proporzionalità fra difesa e offesa ora disciplinata dall’art.52 del codice penale. La repressione e la prevenzione dei reati spettano innanzitutto allo Stato, ma è necessario predisporre strumenti adeguati di tutela, in quei casi in cui ci sia un pericolo imminente e l’impossibilità di scongiurarlo attraverso il tempestivo intervento delle Forze dell’Ordine. E la modifica della proporzionalità tra difesa ed offesa va in questo senso, non perché non si condivida la necessità di evitare reazioni spropositate per attacchi privi di una reale potenziale offensivo, quanto piuttosto per la constatazione che tale norma si è nei fatti tradotta, anche attraverso la sua interpretazione giurisprudenziale, in una sostanziale inapplicabilità del concetto di difesa legittima. Si è perciò fatta avanti nell’opinione pubblica la convinzione che difendersi, possa paradossalmente far passare l’aggredito dalla parte del torto. La nostra proposta di legge è stata per ben due volte portata in discussione in aula, ma per tutte le due volte il Partito Democratico ne ha votato il rinvio, impedendo così al Parlamento di legiferare in merito e ai cittadini di difendersi legittimamente attraverso l’approvazione della nostra legge. Ora a sostegno delle nostre tesi, che non sono altro che la traduzione in norma legislativa delle tante richieste di sicurezza e certezza dei cittadini onesti, Lega Nord ha depositato in Cassazione una proposta di legge di iniziativa popolare dal titolo “Introduzione della difesa legittima ed inasprimento delle pene per furto in abitazione” per far sì che la politica si assuma le proprie responsabilità, stando dalla parte delle vittime e non dei rei, impegnando così il Parlamento ad introdurre immediatamente il concetto che nel proprio domicilio la difesa è sempre legittima. Per tali motivi vi invitiamo a venire al gazebo e darci una mano per far tramutare questa legge in realtà.”