L’Ironbike arriva in Alta Valsusa: oggi lo Chaberton domani tappa finale a Sauze d’Oulx l'honduregno Milton Ramos primo anche sullo Chaberton si avvia al 5° trionfo assoluto

Milton Ramos in un passaggio della IronBikeMilton Ramos in un passaggio della IronBike

SAUZE D’OULX – SESTRIERE – Oggi  si è conclusa la sesta tappa della “terribile” IronBike 2017, partita dal Rifugio Selleries e arrivata a Sestriere, con l’immancabile discesa dei 4000 gradini del Forte di Fenestrelle e la salita alla fortezza dello Chaberton, a quota 3131 metri.  La corsa è quindi arrivata in Alta Valsusa dove si concluderà domani.

In testa , vincitore di entrambe le prove speciali è il il condor dell’Honduras Milton Ramos, “Re” indiscusso della competizione, che già ha alle spalle 4 edizioni vinte, con protagoniste le Alpi Occidentali e le sue strade di alta quota, che si è guadagnata la fama di  corsa in mountain bike “più massacrante del mondo”. Corsa ideata nel 1994 dal cuneese Cesare Giraudo che quest’anno è partita sabato scorso da Limone Pimonte.Una grande mavcchimna logistica, ma vera vetrina mondiale per le nostre montagne e gli appassionati di mtb. In gara sono rimasti 64 atleti.

Solo più tre le donne in gara, tutte francesi, con in testas  Aurelie Grosse, che oggi sullo Chaberton  ha battuto metà degli uomini in corsa

Domani 29 luglio sarà ancora una volta Sauze d’Oulx ad incoronare il vincitore dell’Iron Bike. Dopo le 7 impegnative tappe, la 24° edizione della corsa si concluderà infatti con l’arrivo a Sauze, come da undici anni a questa parte.

Lo si fa con la festa finale proprio nel salotto del centralissimo Parco Giochi. Ma gli atleti dell’Iron Bike si potranno vedere anche all’opera a Jouvenceaux dove arriveranno dal sentiero 14. Di qui saliranno a Sportinia in seggiovia per poi scendere verso il traguardo posizionato in via Monfol, zona parco giochi. L’arrivo è previsto tra le 12.00 e le 13.00. Poi scatterà la festa finale con le premiazioni e l’arrivederci all’edizione d’argento del 2018.

L’ultima tappa, la Sestriere- Sauze d’Oulx è considerata una tappa relativamente facile, dopo le prove precedenti, ma occhio alle insidie, che in questa gara sono imprevedibili.