L’Union Susa scrive la storia: batte 4-0 il San Maurizio e vola in Eccellenza per la prima volta nella storia della Valle Una prestazione stellare dei ragazzi di Falco che legittimano il primato contro la seconda forza del campionato

I festeggiamenti dell'Union: per la prima volta giocherà in EccellenzaI festeggiamenti dell'Union: per la prima volta giocherà in Eccellenza

SUSA – Straordinaria giornata per i biancorossi che schiantano il San Maurizio Canavese per 4-0 e possono festeggiare una storica promozione, arrivata alla fine di una cavalcata trionfale, che ha visto i ragazzi dell’Union in testa sin dalla prima giornata.

Al Mario Quaglino la storia è scritta

Era la giornata decisiva. Quella in cui l’Union Susa di Alberto Falco aveva la possibilità di scolpire il suo nome nella storia del calcio valsusino e, come sempre in questa stagione, i segusini non hanno deluso.
Il contorno era quello delle grandi occasioni. Prima contro seconda, spalti gremiti e la possibilità di festeggiare la promozione in caso di vittoria.
A completare la festa mancava solo la prestazione dell’Union che non si è fatta attendere.
L’allenatore valsusino schiera la linea a 4 con Renna, Di Emanuele, Serpa e Rossero di fronte a Miceli, Carrassi, Mazzone e il giovane Pereno a centrocampo e il trio delle meraviglie Rizq-Aloisi-Squillace in attacco.
Pronti, via… ed è subito vantaggio per l’Union. Dopo una bellissima punizione di Mazzone deviata in angolo dal portiere ospite, si genera un calcio d’angolo, calciato dallo stesso numero “8” segusino: la traiettoria, bassa e insidiosa, si insacca direttamente in porta per dare il vantaggio ai padroni di casa al 3° minuto.
L’atmosfera al “Mario Quaglino” si scalda e l’armata biancorossa dimostra di essere in una di quelle giornate nelle quali nessuna squadra di categoria possa reggere il confronto, continuando ad attaccare senza sosta fino a raggiungere il raddoppio.
Siamo al minuto 10 e, dopo un calcio d’angolo, la palla viene scaricata al limite per Carrassi: la traiettoria che esce dal piede del centrocampista biancorosso è da applausi e va ad insaccarsi dolcemente sotto l’incrocio della porta ospite. E’ 2-0 per l’Union Susa!

Una sola squadra in campo a Susa

Il San Maurizio non reagisce e il Susa continua a spingere sull’acceleratore.
Al 14° arriva l’occasione per il terzo gol, con un bello scambio tra Max Squillace e Kamal Rizq, il quale non riesce però a concludere sull’uscita del portiere.
5 minuti dopo altra occasione per i segusini: grande imbucata di Rizq per Aloisi che salta il portiere, ma da posizione defilata conclude sull’esterno della rete.
Il gol però è nell’aria e al 26° minuto la partita si chiude virtualmente. Stavolta tocca a Rizq – migliore in campo per i suoi – punire gli ospiti: bel calcio d’angolo di Mazzone che trova la punta biancorossa puntuale all’appuntamento con il gol sul secondo palo.

Il Susa resta in 10

La partita sembra oramai più che indirizzata, anche se al 28° l’Union resta in 10 uomini.
A causa probabilmente di una parola di troppo contro l’arbitro, Giovanni Carrassi viene espulso e lascia quindi i suoi con un uomo in meno, con ancora più di un’ora da giocare.
Gli ospiti però non ne approfittano e continuano a venire schiacciati da un Susa davvero inarrestabile e che alla mezz’ora rischia di calare il poker grazie ad uno splendido scambio tra la coppia gol Rizq-Aloisi che porta il marocchino a tu per tu con il portiere avversario, bravo a fermare la conclusione.

Nel secondo tempo continua la supremazia valsusina

Nonostante l’inferiorità numerica, Falco non effettua cambi, sintomo della sicurezza e della fiducia dell’allenatore dell’Union.
Infatti, nel giro di 5 minuti, i biancorossi hanno altre due occasioni per segnare il quarto gol, con Aloisi prima e Rizq poi fermati dall’ottimo portiere ospite.
Il copione della partita non cambia, con il Susa che amministra e non corre alcun rischio, con Federico Miceli mai impegnato seriamente nel corso della gara.
Al 22’st Anello sostituisce Mazzone, mentre al minuto 30 è Aloisi a lasciare il campo, questa volta per Anello.

Il Susa può festeggiare la promozione

Oramai non ci sono più dubbi, manca solo il fischio dell’arbitro a sancire la prima, storica promozione dell’Union Susa in Eccellenza, con il tifo del “Mario Quaglino” che si alza sempre di più.
C’è però ancora tempo per il quarto gol, con la meritatissima soddisfazione personale di Mattia Di Emanuele, capitano e condottiero dell’armata Union che corregge in porta sugli sviluppi di un calcio d’angolo al 44° minuto.
E finalmente, dopo tre minuti di recupero, l’arbitro fischia la fine e dà il via alla festa segusina che può sfogare la tensione di un campionato vissuto sempre al massimo, senza mai perdere la calma nei momenti di difficoltà.
E’ un risultato straordinario, costruito con il lavoro, la testa e grande, grandissima costanza: complimenti Union Susa, hai fatto la storia!