Made in Piemonte, Ruffino: “Uno sprint in più dalle istituzioni per l’occupazione e il sistema-regione”

Daniela Ruffino - Vice Presidente del Consiglio RegionaleDaniela Ruffino - Vice Presidente del Consiglio Regionale

TORINO – A seguito del convegno che si è tenuto a Susa, promosso da Uncem, Daniela Ruffino (FI), vicepresidente del Consiglio regionale, interviene a proposito della situazione economica e occupazionale.

Ci auguriamo che le previsioni positive di Unioncamere sul numero dei nuovi contratti di lavoro in Piemonte nei prossimi mesi si possano realizzare. Per rilanciare l’economia piemontese serve però uno scatto d’orgoglio, uno sprint in più da parte delle istituzioni, ad incominciare dalla Regione.” Aggiunge l’azzurra: “La qualità dei prodotti Made in Piemonte e la professionalità delle nostre imprese rappresentano il valore aggiunto per potenziali acquirenti all’estero. Sono molte e lodevoli le iniziative promosse ormai da anni dalla Regione, dagli enti locali e camerali, finalizzate a promuovere il nostro export e il nostro territorio anche dal punto di vista turistico: ma per rendere tali azioni più incisive sarebbe opportuno un maggiore coordinamento e sinergia tra chi le organizza, tra pubblico e privato.” Un supporto non di poco conto al rilancio del lavoro – aggiunge la vicepresidente dell’Assemblea piemontese – potrebbe infatti giungere dal marketing del sistema Piemonte rivolto all’estero, con un maggiore coordinamento tra i soggetti che se ne occupano. Credo che la Regione dovrebbe quindi convocare tutti gli organismi coinvolti per fare il punto della situazione e individuare un percorso comune.” Conclude Ruffino: “Questo è ovviamente un passo importante, che però avrebbe scarsi risultati se Governo e Regione non si attivassero al tempo stesso per una reale sburocratizzazione e una riduzione delle imposte che spesso uccidono le nostre aziende.”