Maggionatura a Giaveno: tra sole, natura e… malcontento Alessandro Cappuccio: "Poche attrazioni, poche persone e pochi banchi"

Alessandro Cappuccio, Capogruppo di CambiAMO GiavenoAlessandro Cappuccio, Capogruppo di CambiAMO Giaveno

GIAVENO – Si è svolta nella soleggiata giornata di domenica scorsa, 15 maggio, la manifestazione Maggionatura, dedicata a natura, cultura e tradizione. Secondo l’Amministrazione Comunale è stato un successo, con migliaia di visitatori a calcare il suolo giavenese. In particolar modo la mostra “Giaveno… C’era una volta” avrebbe portato – secondo le stime – circa 1200 persone a varcare la soglia della Chiesa dei Batù. Ma parte della minoranza non è dello stesso avviso. Al riguardo giunge il commento del consigliere comunale Cappuccio di “CambiAMO Giaveno”: “Noi di CambiAMO Giaveno, siamo rimasti increduli alle parole espresse dal Sindaco in merito ai numeri di affluenza riguardo a Maggionatura (7 Mila). Personalmente sono andato a farmi un giro e ho notato una scarsa affluenza, sicuramente non 7 mila come invece dichiarato dal Sindaco Giacone. Poche attrazioni, poche persone e soprattutto pochi banchi e proprio sulla questione banchi e venditori ho ricevuto molte lamentele. Già dal mattino presto, circa le 6, fino alle 7,30 / 8, regnava la confusione per il posizionamento dei banchi: molti venditori si sono lamentati col sottoscritto, dicendomi che nessuno sapeva dove posizionarsi e solo verso le 8 si è presentato qualcuno a fornire delle direttive. Alcuni sono andati via in segno di protesta, sinceramente pensiamo che potesse essere organizzata meglio.”