Maggiori controlli sui treni contro i “furbetti” senza biglietto Trenitalia mette all'opera una taskforce di supercontrollori sui convogli regionali

controllore-1748x984

Da adesso sarà più difficile  viaggiare senza biglietto sui nostri treni. Una nuova iniziativa di controllo ha preso avvio anche in Piemonte con il nome di “In treno col biglietto”, promossa da Trenitalia sui treni regionali con l’obiettivo di contrastare il fenomeno dell’evasione, che comporta una diminuzione di risorse destinate al servizio ferroviario regionale. Contro i “furbetti del biglietto” a bordo dei treni ci saranno dei gruppi di agenti, in squadre di cinque per un totale di cinquanta agenti il cui compito sarà il controllo quotidiano sulle nostre tratte ferroviarie. I controllori si muoveranno insieme sia in stazione che a bordo dei treni per verificare il possesso e la regolarità del biglietto o dell’abbonamento. L’obiettivo dichiarato è ovviamente quello di contrastare il fenomeno sempre più diffuso dell’evasione, che comporta anche ogni anno una diminuzione delle risorse destinate al servizio ferroviario regionale.

Secondo Trenitalia il rispetto delle regole da parte degli utenti e il maggiore rigore e capillarità nei controlli andrà a beneficio della stragrande maggioranza dei viaggiatori, che paga il biglietto e l’abbonamento, e delle Regioni, cui compete l’onere di finanziare il servizio: maggiori risorse consentono di investire di più nel miglioramento del servizio. I “portoghesi” sono stimati da Trenitalia siano oltre il 3% del totale degli utenti.

È destinata a cambiare anche la strategia della Società delle Ferrovie nei confronti dei circa 2.400 trasgressori che, negli anni, hanno collezionato più sanzioni senza mai versare nulla nelle casse della società nei confronti dei quali scatterà l’azione penale.