Marco Ponti gira “Vita spericolata”: un road movie da nord a sud tra la Valsusa e il Salento Il regista di Avigliana impegnato tutta la settimana con la sua troupe al Moncenisio e a Sestriere

Uno dei set naturali del film:  le "scale" del MoncenisioUno dei set naturali del film: le "scale" del Moncenisio

SUSA – Sono in corso da lunedì le riprese del film Vita spericolata”scritto e diretto dall’aviglianese Marco Ponti. Il film, il cui titolo è ancora provvisorio, avrà molte scene ambientate in Valsusa: le riprese cominciano nei pressi del confine con la Francia, giovedì e venerdì si sposteranno a Sestriere, sabato a Torino, e domenica la troupe partirà per Foggia. Sarà infatti un road-movie, che attraverserà l’intero stivale partendo dall’estremo nord-ovest e giungendo fino alla punta del tacco italico. Prodotto da Rai Cinema e dalla IFF – Italian International Film di Fulvio e Federica Lucisano, il lungometraggio sarà pronto entro novembre/dicembre, ma i produttori non hanno ancora deciso quando uscirà ufficialmente nelle sale italiane.

Una trama frenetica e “rock&roll”

Il titolo parla da sé: la pellicola sarà un susseguirsi di azioni avventate, di inseguimenti, di pericoli, di fraintendimenti che, però, riescono a dare il giusto tocco di pepe alla vita di tre ragazzi, coinvolti loro malgrado in una rapina. A rendere la loro vita “spericolata” saranno sia la polizia che i veri banditi, fra inseguimenti e sparatorie.
Lei, giovane dark-lady dal carattere deciso e ribelle. Loro, un meccanico e un ex pilota di rally, nullafacenti e disimpegnati. Insieme si ritroveranno a fuggire in seguito a una rapina in banca non pianificata, frutto di una serie di inaspettate coincidenze.

Il set in Valsusa

I primi giri di “manovella” di tutto il film – anche se ovviamente ora si gira in digitale – sono stati dati ieri. Dirigendosi verso il Moncenisio si nota un inusuale, vecchio e abbandonato distributore di benzina, talmente realistico che già qualcuno l’ha scambiato per vero: purtroppo – o per fortuna, data la struttura malridotta –  è solamente un set allestito dalla troupe per girare una scena del film. Lo scenario è quello di un inseguimento furioso, dove vediamo i tre ragazzi a bordo di una spider scappare dalle forze dell’ordine.
Di fronte al nuovo-vecchio distributore, c’è un’altra grossa novità: l’edificio francese abbandonato da anni si è ri-trasformato in quello che era, ovvero un locale, ora diventato il Bar della Rabbia, con tanto di facciata colorata, panchine, e distributori di caramelle. Purtroppo gli uffici stampa della produzione ancora non consentono di diffonderne le immagini, ma chi domani salirà al Moncenisio potrà passare direttamente nel set.
Non mancheranno inseguimenti in auto e sparatorie su per la Gran Scala e intorno al Lago della Ferrera, nel Comune di Moncenisio.
Per i primi tre giorni troupe e cast fanno base a Susa, poi la carovana traslocherà al Sestriere, dove verrà girata la scena della rapina in banca, ambientata all’interno di una “torre” di Sestriere.
Il film naturalmente ha il sostegno di Film Commission Piemonte.

Un cast rigorosamente under 30

Solo attori giovani e talentuosi per il film di Marco Ponti. Il ruolo della protagonista sarà di Matilda De Angelis, già nota al pubblico italiano per la parte di Giulia in Veloce come il vento, mentre i due ragazzi appassionati di vetture da corsa, saranno interpretati da Lorenzo Richelmy e Domenico Diele. Richelmy è conosciuto per il film Il pranzo della domenica, dove interpreta il figlio di Rocco Papaleo e Elena Sofia Ricci, e successivamente per il successo verdoniano Sotto una buona stella. Domenico Diele, invece, ha rivestito parti nella serie televisiva 1992 e nella fiction Rai C’era una volta Studio Uno. Le comparse, scelte con cura da Sara Patti, sono tutte locali, valligiane per le scene girate in questi giorni, e pugliesi quando il cast si sposterà a Foggia.