Maria Falcone a Susa per incontrare gli studenti Giovedì 25 febbraio all'Istituto Ferrari

maria falcone

SUSA – Studentesse e studenti dell’Istituto Enzo Ferrari organizzano per giovedì 25 febbraio, presso l’auditorium della scuola l’incontro dei giovani con Maria Falcone, sorella del Giudice Giovanni Falcone, barbaramente trucidato, insieme alla compagna e alla scorta, a Capaci il 23 maggio 1992. Dunque non sono solo le disposizioni del Ministero che spingono le scuole ad occuparsi di cittadinanza e legalità ma sono anche le coscienze d’insegnanti e studenti che reclamano a gran voce l’approfondimento e la sensibilizzazione di valori quali il senso di cittadinanza, il rispetto e l’amore verso il nostro Paese, l’onestà , la tolleranza, il senso civico, la memoria attiva , l’esempio di uomini illustri, servitori dello Stato.

È un evento per l’intera valle che i ragazzi Ferrari vogliono condividere con i coetanei degli altri Istituti secondari. “Ci farà immensamente piacere avere la presenza degli studenti anche delle altre scuole, dei miei colleghi dirigenti scolastici, nonché dei sindaci” – commenta Anna Giaccone – “colgo l’occasione per ringraziare i sindaci di Susa e Villar Dora i quali stanno supportando la scuola nell’organizzazione del soggiorno della professoressa Maria Falcone. Devo tutto ciò al professor Tallarico e alla carissima preside dell’IC di Almese, professoressa Anna Salvatore”.
Maria Falcone incontrerà i giovani degli Istituti Superiori alle ore 10 del 25 febbraio, presiederà l’evento il Direttore Generale dell’ USR Piemonte Fabrizio Manca, grande sostenitore di progetti ed azioni di Cittadinanza Attiva e di Educazione alla Legalità.

“Sarà commovente, ma unico ed entusiasmante incontrare una donna coraggiosa, un’anima bella, forte e tenace quale la Professoressa Maria. I suoi occhi hanno parlato agli occhi di Giovanni Falcone, la sua famiglia rappresenta la parte sana dell’Italia, quella parte di buona società che tutti noi giovani dobbiamo lottare per mantenere!” , commenta una allieva del Liceo Ferrari. Conclude il dirigente del Ferrari: “Avere Maria Falcone a Susa è un regalo per i nostri ragazzi! È’ un regalo anche per tutti coloro i quali quel maledetto 23 maggio del 1992 erano entrati da poco , come me, a servire lo Stato come insegnanti , giurando fedeltà alla democrazia . È’ un regalo per tutti loro, per tutti noi che sempre e comunque ancora crediamo , lavoriamo e ci sforziamo di trasmettere sani valori alle future generazioni.”