“Money monster”: tutto il cinismo del denaro in diretta tv George Clooney e Julia Roberts inseme sul grande schermo in un thriller diretto da Jodie Foster

Money-Monster-1

TRIO di star, Clooney Roberts Foster, per portare sul grande schermo un film di tensione che affronta tematiche di grande attualità, soprattutto per il pubblico italiano, frastornato dagli scandali finanziari e bancari degli ultimi mesi, che hanno ridotto sul lastrico diversi investitori. Protagonista della storia, diretta dalla Foster, alla sua quinta regia, è un cinico e spregiudicato consulente finanziario, Lee Gates, interpretato da Clooney che torna così in un ruolo d’azione. Gates conduce una trasmissione televisiva dove dispensa consigli finanziari al grande pubblico, in un clima trash, tra improbabili balletti e stacchetti. Nonostante l’evidente scarsa serietà del format, molto pubblico segue i suoi consigli, rischiando di tasca propria, finché uno spettatore, che ha perso tutti i suoi risparmi seguendo le indicazione del teleimbonitore, fa irruzione sul set e minaccia Gates di morte se non sarà in grado di spiegare il perché del crack che ha rovinato la sua vita. Il tutto va in rigorosa diretta tv, mandato in onda dalla regista Patty Fenn, interpretata dalla Roberts.

Ecco combinarsi le più grandi paure dell’uomo medio occidentale: l’anonimo squilibrato attentatore, i crack causati dalla grande finanzia che specula sulle vite dei piccoli e inermi risparmiatori, lo strapotere dei media padroni incontrastati dell’opinione pubblica.

Da apprezzare, per quanto riguarda la resa stilistica e tecnica, la realizzazione di un film che va “in tempo reale”: i fatti narrati durano un’ora e mezza, come una trasmissione televisiva, incollando lo spettatore con un ritmo incalzante che ha la meglio su una trama più debole, proprio perché obbligata a risolversi in pochi muniti.

logo sr