Orbassano, un malore stronca il calciatore Federico Carpinelli giocatore del Collegno Dimesso da Rivoli si è sentito nuovamente male

Federico CarpinelliFederico Carpinelli

ORBASSANO – E’ morto Federico Carpinelli, bandiera dell’Olympic Collegno. Aveva accusato gravi difficoltà respiratorie mentre si trovava a casa e si era recato all’opsedale di Rivoli. Era stato dimesso nel pomeriggio ed avendo avuto una nuova crisi era stato portato in serata all’ospedale di Orbassano in condizioni disperate.

Dimesso si è sentito male a casa

L’autopsia dovrà stabilire le cause della morte di Carpinelli, 31 anni, colpito da un misterioso malore martedì 5 agosto e poi morto all’ospedale San Luigi dopo il trasporto di ambulanza. Carpinelli era il capitano e la bandiera della squadra di calcio dilettantistico dell’Olympic Collegno e non aveva apparenti problemi di salute. Nella mattinata di martedì aveva accusato un violento malessere – con vomito e dolori addominali – che lo aveva convinto a farsi visitare al pronto soccorso dell’ospedale di Rivoli. Dopo una serie di controlli era stato dimesso e rimandato a casa.

In serata, dopo le 22, i dolori si sono ripresentati assieme a gravi difficoltà respiratorie e il calciatore collegnese è stato soccorso da un’ambulanza del 118 che lo ha prima portato a Rivoli e poi al San Luigi di Orbassano. Quando è arrivato al San Luigi, però, le sue condizioni erano ormai gravissime e Federico è morto poco prima dell’una.