Sant’Antonino, è morto Giuseppe Pangrazi il fotografo del paese Per mezzo secolo ha "fermato" la vita dei santantoninesi nelle sue pellicole

Giuseppe Pangrazi di Sant'AntoninoGiuseppe Pangrazi di Sant'Antonino

S.ANTONINO – E’ morto Giuseppe Pangrazi, classe 1925, il fotografo del paese. Erano i tempi del rullino in bianco e nero; arrivati in studio si procedeva con cautela estraendo la pellicola dal caricatore. Poi le bacinelle con il fissante, si passava al bagno che rendeva l’immagine permanente e resistente alla luce. Ogni foto era un’opera d’arte, ogni scatto doveva essere preciso, con le giuste architetture con i giusti ritratti. Altri tempi. Non c’era il digitale e quando si era fortunati gli scatti nel caricatore erano 30.

Questo era il mondo di  Pangrazi, testimone delle vicende belle e brutte del paese, delle feste di famiglia, degli scatti degli innamorati. Generazioni di santantoninesi sono passate davanti alla sua macchina, sono stati fissati sulle sue pellicole. Un partimonio enorme di storia e storie che il figlio Fabrizio sta raccogliendo e riproponendo alle giovani gerazioni. Preciso, fiero del suo mestiere e della sua professionalità a lasciato in eridità un patrimonio che non “ingiallirà” di certo.

Pangrazi con una delle sue macchine foto

Pangrazi con una delle sue macchine foto

Il ricordo del sindaco

Susanna Preacco, sindaco di Sant’Antonino lo ricorda così: “Ho il suo ricordo da sempre già da quando ero piccola nel suo negozio e nelle tante occasioni in cui lui, sempre un passo indietro con eleganza e sobrietà faceva le fotografie. Un uomo curioso che si è sempre documentato sul progresso tecnico, sulle nuove apparecchiature e sul mondo di internet. Si interressava di tutto con grande capacità. Lo ricordo come un gran lavoratore, sentiva molto la comunità e i suoi valori, Sant’Antonino e la valle perdono un uomo importante per la memoria e le documentazione“.

Domani, sabato 2 settembre alle 14, si svolgerà il funerale nella Chiesa parrocchiale di Sant’Antonino.

Giuseppe Pangrazi

Giuseppe Pangrazi