Nelle Librerie Panassi interessante promozione sulla narrativa Susalibri Fino al 31 dicembre 2017 proposte di lettura con il 25% di sconto

La Libreria Panassi di OulxLa Libreria Panassi di Oulx

Le Librerie Panassi propongono fino al 31 dicembre 2017 alcuni testi di narrativa editi da Susalibri scontati del 25%. Ce n’è per tutti i gusti, dai testi storici ai gialli passando tra pagine di escursionismo e medicina.

Sentieri in Val Sangone – Claudio Rolando
La Valsangone è una vasta conca verde che si apre tra le valli Susa e Chisone, trenta chilometri a ovest di Torino, dove ancora si respira quella cultura contadina che, per secoli, ne ha plasmato l’ambiente. Una valle ricca di storia che, sulle montagne e lungo i sentieri che la percorrono, conserva le memorie delle lotte partigiane, delle solenni traslazioni delle salme dei Savoia alla Sacra di San Michele, delle storiche battaglie tra piemontesi e fran­cesi, dei soggiorni di Pirandello e Augusto Monti e delle leggende che sfumano nell’incerto confine tra terra e cielo.

Il Cantico delle Creature – San Francesco D’Assisi a cura di Anna Scarpetta
Il Cantico di Fratello Sole di San Francesco d’Assisi, o Cantico delle Creature, è considera­to come uno dei primi gioielli della letteratura italiana nascente. Dalla sua origine ha permesso a numerosi ascoltatori di vivere una pacificazione profonda del loro essere nel mondo. Il Cantico è un magnifico inno che esprime la mistica visione del Santo di Assisi. Favorendo l’ambiente montano l’atteggiamento spirituale in cui lo spirito individuale trova risposta al senso del suo essere e la esplicazione delle proprie capacità nella contemplazione, a complemento dell’opera del Santo le illustrazioni sono fotografie riprese a Bardonecchia (Torino) sulle Alpi Occidentali.

100 Escursioni in Valle di Susa – Rosanna Carnisio
Scopo di questa pubbli­cazione è invitare tutti, anche chi è meno esper­to, a percorrere i sentieri del­la valle di Susa per scoprire il fascino discreto e nascosto di queste montagne ricche di tesori ambientali ed artisti­ci. A poca distanza dagli im­pianti sciistici, curiosi borghi disabitati e baite recuperate con raffinata intelligenza te­stimoniano comunità che vo­gliono ritornare a riaffermar­si per sottolineare un passato travagliato e prestigioso, che cerca di riappropriarsi del ruolo della cultura popolare da cui abbiamo ereditato un patrimonio storico e linguistico che si è tramandato fino a noi con il suo folckore e le sue rappresentazioni. Gli itinerari descritti per­mettono di superare i confini naturali delle ampie valli tributarie della valle di Susa, aprendo allo sguardo più attento, scenari sorprendenti, a volte misteriosi, che parlano al nostro intimo quasi senza renderci conto. Passeggiando tra le pinete sarà facile cogliere il sussurro del vento tra le foglie di alberi secolari che hanno assistito ad antiche e cruente guerre e rappresaglie e al contempo godere del rumore allegro dei ruscelli che scendono destreggiandosi tra i sassi e che offrono gratuito refrigerio. Carta alla mano allora con altimetro per scoprire tutti i segreti che il libro cerca di svelare in una raccolta di proposte escursionistiche e turistiche.

La ferrovia del Moncenisio – Enrico Pieri
“Da ferroviere dilettan­te ho avuto la gradi­ta sorpresa di susci­tare l’interesse e il consenso dei lettori; la prima edizio­ne è stata esaurita in breve tempo. Ora, accogliendo le cortesi richieste di amici, amatori, enti, il libro viene nuovamente pubblicato grazie all’interessamento di un giovane e dinamico editore partico­larmente interessato ad argomenti di storia piemontese e della valle di Susa. La prima parte è dedicata alle vicende della Mont-Cenis Railway con un accenno alle altre ferrovie Fell; per chi vuole descrizioni e dettagli tecnici c’è la seconda parte, in cui sono illustrate le locomotive e i particolari dispositivi. Un cordiale ringraziamento va allo storico ferroviario inglese F.K. Pearson, che ha fornito molte interessanti notizie dal suo inesauribile archivio e a Mr. J. Cooke per le belle stampe da riviste dell’epoca e all’Institution of Civil Engineers di Londra che ha rintracciato i disegni tecnici della prima locomotiva Fell”. Enrico Pieri

Fiori di Bach. Oltre le parole – Elena Gherra
È un libro rivolto a chi intende approfondire la conoscenza dei Fiori di Bach in maniera nuova e originale. Tramite le 38 Carte allegate, ciascuna essenza floreale viene rappre­sentata attraverso un racconto ed una vignetta, permettendo così al lettore di coglierne il significato servendosi semplicemente di metafore ed immagini, per una comprensione più diretta e profonda. Sono molto efficaci anche con i bambini e utili a genitori e insegnanti. Ne deriva un coinvolgimento di grandi e piccini che contribuisce a creare un prezioso scambio empatico. Vengono inoltre indicati i nuovi approcci alla floriterapia, complementari all’utiliz­zo classico, che hanno seguito alcuni terapeuti, per fornire al lettore la possibilità di approfon­dirne ed integrarne la conoscenza.

Il freddo, la paura e la fame – Federico Del Boca
Federico Del Boca era impiega­to alla Galleria d’Arte Moderna di Torino, quando, nel 1962, decise di mettere sulla carta le sue memorie di vita partigiana. Aveva aspettato diciassette anni perché per lui, come per molti altri, “la guerra finì soltanto nel 1961”, nel momento in cui gli fu possibile, dopo i postu­mi della vita precaria da partigiano e le alterne vicende legate alla salute malferma, trovare un lavoro stabile e uno stipendio sicuro. Il libro andò in stampa nel 1966, per i tipi di Giangiacomo Feltrinelli Edi­tore. E Il freddo, la paura e la fame. Ricordi di un partigiano semplice, fu subito un successo. All’armistizio (8 settembre 1943), Federico aveva diciotto anni, lavora­va a Torino e frequentava la scuola serale per diventare radiotecnico. Aveva poche scelte davanti a sé: farsi prendere o salire in montagna: il Col del Lys era proprio sopra casa, una montagna alta ed impervia, con borgate isolate, che sembravano ideali per chi voleva scampare alla cattura o aspettare che la guerra finisse. Era una delle zone della prima Resistenza piemontese, come lo stavano diventando le valli cuneesi o la Valle d’Aosta o la vicina Val Chisone. Federico, ragazzo semplice, scelse di diventare partigiano per evitare di essere catturato dai tedeschi. Nel suo racconto la realtà partigiana viene presentata senza cerimonie, nei suoi lati più crudi. Le pagine sono un grande quaderno, sul quale l’autore impara che cosa sono la fame e il fred­do, la paura e il coraggio, l’incoscienza e la prudenza, la dignità e l’abiezione, il sesso e l’amor familiare, le tecniche di vita e quelle operative. La tonalità dominante è data sempre dall’impressione di sentir scorrere, con tutte le sue in­genuità e con la sua rozzezza d’espressione, il racconto di una guerra molto diversa da quelle risorgimentali o del patriottismo borghese. Una guerra per la libertà, con la speranza di ritro­vare un avvenire degno di essere vissuto.

Il Piccolo Principe. Ël Cit Prinsi – Testo a fronte italiano e piemontese
Un’idea che a pochi è venuta in mente, o almeno, è venuta, ma non ha ritenuto oppor­tuno metterla in pratica. Parlo dell’idea di realizzare il famoso “Il Piccolo Principe” in bilingue, l’italiano nella pagina sinistra e nella pagina a fianco la traduzione in piemon­tese, il piemontese “dij Brandè”. Un modo di avvicinare chi non sa leggere il piemontese, tanto meno scriverlo, a questa “lingua” a volte bistrattata. La traduzione non è completamente let­terale, bensì nel modo più consono della parlata piemontese. Un modo divertente, insomma!

Quadri votivi nei Santuari delle Alpi Occidentali – Rita Cristina Manfro
Gli ex voto analizzati sono una testimonianza visiva della vita quotidiana degli alpigia­ni, che ci è stata tramandata nei secoli. Molti sono i santuari, le chiese, gli oratori, le cappelle ed i piloni votivi sulle nostre montagne, che troppo spesso versano in condi­zioni fatiscenti, poiché prima ancora che il denaro, mancano le persone. Con questa ricerca si intende far conoscere l’importanza degli ex voto, la maggior parte dei quali ruota attorno alla famiglia, perno vitale delle attività economiche sulle quali puntare, per una ripresa di sviluppo in chiave attuale senza rinunciare alla tecnologia del nuovo millennio. A fianco, due quadretti votivi con cronache del tempo ancora attuali: un delitto passionale, ed un fenomeno di bulli­smo… ante litteram!

La ragazza delle 7 – Claudio Rolando
Le 7 del mattino. Puntuali come sempre, i passi di una ragazza risuonano sotto le finestre dell’appartamento di Leo Delfos, si interrompono bruscamente e non riprendono più. Che ne è stato della ragazza? L’indagine porterà Leo a scoprire una torbida vicenda d’a­more e denaro che coinvolge il piccolo universo del V arrondissement e arriva fino ai salotti buoni di una Parigi elegante e insospettabile.

I Savoia in Val di Susa – Mauro Minola
Fra la Valle di Susa e la Casa Savoia si è stabilito nei secoli un legame indissolubile: poco dopo il Mille essa divenne la prima terra piemontese ad accogliere i Conti di Moriana e di Savoia, consentendo a loro di aprire un varco al di qua delle Alpi, con il control­lo dell’importante valico del Moncenisio. Da questo piccolo lembo di territorio, duramente contestato dall’Impero, dalle signorie feudali e dal potere dei vescovi torinesi, i Savoia si espansero prima a Rivoli e poi a Torino, creando le premesse per cambiare la storia del Piemonte e dell’Italia. La valle conser­va tuttora importanti testimonianze legate alla millenaria dinastia, dai castelli di Susa, Bruzo­lo, Avigliana e Rivoli, al Forte di Exilles e alla Sacra di San Michele, dai ricordi delle imprese dei duchi Carlo Emanuele I e Vittorio Amedeo II alle emozioni suscitate dalle popolari visite del Principe di Piemonte Umberto di Savoia e di Maria Josè negli anni Trenta.Questo libro permette di ritrovare le preziose tracce del passato, affrontando con il lettore un viaggio af­fascinante alla scoperta dei personaggi di Casa Savoia, delle loro vicende e dei luoghi che li videro protagonisti.

La scuola, il libro e il moschetto – Giulia Bonaudo
“La scuola, il libro e il moschetto. Testimonianze sull’istruzione primaria nel Venten­nio” ripercorre le tappe, a partire dalle riforme di fine ottocento, che portarono alla nascita della scuola fascista. La ricerca è stata condotta attraverso i registri scolastici, che riportano i dettami del regime, e i quaderni dei quali sono stati analizzati sia le copertine, usate come mezzo di propaganda, sia i componimenti che dimostrano che il fascismo entrò nella scuola, ma non riuscì a pene­trare del tutto nelle menti dei giovani allievi che di lì a poco lottarono per riottenere la libertà perduta.

 

Le Librerie Panassi sono a
Sant’Ambrogio – P.zza XXV Aprile 2 – tel: 011 939662 – [email protected]
Susa – Via Roma 46 – tel: 0122 32429 – [email protected]
Rivoli – P.zza Garibaldi 3 – tel: 011 9536691 – [email protected]
Oulx – presso il centro commerciale Le Baite – tel: 0122 833823 – [email protected]